Esiste il pasto perfetto?

Spread the love

 

 Esiste il pasto perfetto, quello benefico per la salute e ricco di gusto? Pare proprio di sì ed è stato messo a punto dal Leather Head Food Institute, un ente britannico indipendente che studia il cibo e le sue proprietà, dopo un’analisi di oltre 4mila ricerche, inviti al consumo di diverse pietanze e annunci pubblicitari.

Il risultato delle analisi e delle indagini ha permesso all’ente inglese di stilare il menù del pasto perfetto che si comporrebbe così: un antipasto a base di pesce e cereali, un piatto unico a base di carne, legumi e verdure e un dessert con yogurt e frutta secca. Per la creazione del menù perfetto gli studiosi si sono basati sulla qualità dei nutrienti, la presenza di vitamine e proteine e di altre sostanze benefiche in grado di aiutare la circolazione, il cuore e di combattere il colesterolo cattivo.

 

Il menù più sano del mondo è, forse un po’ a sorpresa, lontano dall’ideale pasto della dieta mediterranea: l’antipasto è composto da salmone, fresco o affumicato, ricco di Omega 3 che aiutano a tenere sotto controllo il colesterolo, accompagnato da pane integrale che contiene acido folico utile per le donne in gravidanza e per la salute del cervello e un’insalata condita con olio d’oliva; un piatto unico a base di pollo, ideale per rafforzare la massa muscolare, lenticchie, che riducono la stanchezza e lo stress grazie al loro contenuto di acido pantotenico, e verdure miste cotte. Per finire, un budino di yogurt ricoperto da noci e caramello dolcificato.

 

I ricercatori hanno pensato anche ai fuori pasto, per i quali consigliano frutta secca, cioccolata calda e frutti di bosco; da non dimenticare è anche l’assunzione di almeno due litri di acqua al giorno e il consumo di chewing gum allo xilitolo.

 

Pasto perfetto quindi? Il dottor Andrea Ghiselli, nutrizionista e ricercatore dell‘Inran, l’Istituto nazionale ricerca alimenti e nutrizione, suggerisce di essere cauti e di non dimenticare la dieta mediterranea, quindi salmone sì, ma anche tonno e sardine, accompagnate da cereali e da frutta e verdure fresche.


[Fonte]

 

Photo Credit | Thinkstock


Lascia un commento