Restare in forma con il Qi Gong

di Redazione Commenta

Il Qi Gong è un’antica disciplina cinese taoista, chiamata anche “pratica di lunga vita”. Nato per potenziare l’energia interiore, il Qi Gong è stato applicato con successo anche in campo medico.

Agli inizi degli anni Ottanta, infatti, in Cina, gli scienziati hanno iniziato a studiare i benefici terapeutici del Qi Gong, dimostrando come la sua pratica influenzasse positivamente varie funzioni e organi del corpo, apportando benefici anche alla psiche.

Il Qi Gong, lavora soprattutto su 3 aspetti, il corpo, attraverso esercizi in posizione statica, il respiro, tramite pratiche di rieducazione della respirazione, e la mente e il cuore (per i cinesi sono la stessa cosa), tramite tecniche che facilitano il rilassamento, migliorando la capacità di concentrazione, la memoria e la creatività.

La pratica del Qi Gong è indicata sia per problemi di natura fisica, come disturbi articolari, muscolari o circolatori, che per problemi di carattere emotivo. Quest’antica pratica cinese, infatti, da una maggiore stabilità psico-fisica, migliora le funzionalità degli organi interni, e la postura, favorendo la mobilità, il coordinamento e l’armonizzazione del corpo.

Per ottenere dei benefici, occorre che la pratica del Qi Gong sia regolare. Bisogna dedicarvi almeno 20 minuti al giorno, anche se è consigliabile un tempo maggiore. Si inizia con degli esercizi statici ed esercizi dinamici.

Esempi di esercizi del Qi Gong

  1. Divaricate leggermente le gambe mantenendo i piedi in posizione parallela e lasciate pendere morbidamente le braccia. Distribuite il peso uniformemente su tutti e due i piedi. Muovete il bacino avanti e indietro fino ad avere la sensazione che la vertebra lombare sia perfettamente diritta.
  2. Portate il mento verso l’esterno in modo da mantenere in leggera tensione i muscoli della nuca. Disegnate figurativamente e molto lentamente un cerchio con le braccia come se voleste abbracciare qualcuno. Mantenete le mani aperte a una distanza di circa 20 cm dal petto.
  3. Muovetevi avanti e indietro per trovare la posizione più stabile possibile e, mantenendola, inspirare ed espirare profondamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>