Il tè verde biologico brucia l’adipe

di Redazione

Tra i vari tipi di tè, quello verde è sicuramente il migliore alleato del peso forma. Il merito è della sua ricchezza in antios­sidanti (catechine e flavonoidi), sostanze che tonificano la circolazione e prevengono la formazione dei radicali liberi responsabili dei fenomeni infiammatori che rallentano le attività metaboliche, favorendo l’accumulo di adipe e ritenzione. Per fare del un alleato per la silhouette è ne­cessario sceglierlo di tipo biologico (evitando i tè aromatizzati con additivi di sintesi) e venire a patti con il suo sapore naturale, che per natura è leggermente amaro: non bisogna correggerlo con lo zucchero (è ammesso un cuc­chiaino di miele) ma si può usare un po’ di latte (con l’aggiunta di una goccia di latte par­zialmente scremato si arriva a circa 15 calorie) o di limone.

Cosi si rispetterà uno dei maggiori pregi di questa bevanda: essere del tutto priva di calorie.Il tè si ottiene lasciando a bagno le foglie in acqua calda o bollente dai 2 ai 7 minuti. Per evitare che diventi troppo  amaro e “carico”, non va lasciato infusione a lungo e non va fatto bollire. Una tazza di tè leggero contiene comunque una quantità inferiore di teina ri­spetto alla caffeina di una normale tazzina di caffè: la proporzione è circa di 30-35 mg di teina contro 160-120 mg di caffeina.

Sono tante le tipologie di tè (oltre al tè verde) e derivano dalle foglie della stessa pianta, la Camelia sinensis, coltivata in Cina, India, Sri Lanka, Giap­pone e Kenya.  Il tè nero è un efficace antifame, cresce in India, Africa e Cina (nello Yunnan e nel Fujian). La lavorazione si svolge in quattro fasi: appassimento, arrotolamento, fermentazione e essiccazione, che blocca i processi di decomposizione del tè e lo scurisce. Migliora i processi digestivi e aiuta a controllare l’appetito.

Il tè bianco invece previene adipe e infiammazioni, è pregiato e raro, perché deriva dalle prime foglioline all’apice del fusto del tè, che poi subiscono una lunga fase di appassimento. L’infuso che si ottiene è un tè chiaro e delicato. Il tè bianco rinforza il sistema immunitario e tiene attivo il metabolismo; è anche un buon disintossicante.

Per ultimo il tè oolong, potente diuretico e sgonfiante, subisce un parziale processo di ossidazione e dà un infuso con un sapore intenso. La qualità Shui-Hsien è fra le più rare: le foglie sono raccolte a fine aprile e la bevanda è di colore arancio chiaro, con un retrogusto fruttato. Favorisce la diuresi e l’eliminazione dei ristagni.

Il tè verde bio ha moltissime proprietà utili a chi desidera smaltire qualche chilo:

  •  idrata e tonifica, una tazza di tè ripristina i fluidi persi e induce un senso di sazietà: il suo apporto liquido conserva i tessuti sodi ed elastici;
  •  è antiossidante: il tè contiene sostanze polifenoliche, principalmente appartenenti al gruppo delle catechine e dei flovoinoidi, da sempre rinomate per via della loro capacità di contrastare la diffusione dei radicali liberi responsabili dell’invecchiamento;
  •  abbassa colesterolo e trigliceridi: inoltre i polifenoli presenti nel tè hanno la capacità di limitare l’assorbimento del colesterolo nel sangue e di prevenire la formazione dei coaguli all’interno dei vasi.