Gin tonic alleato nella dieta?

di Valentina Commenta

Il Gin Tonic alleato nella dieta? Per quanto possa sembrare assurdo la risposta potrebbe essere positiva, ma con i dovuti distinguo al momento, soprattutto perché la ricerca che lo afferma è basata su modello animale e quindi non ha avuto ancora modo di esplorare gli effetti sull’essere umano.

Va detto, la sperimentazione è stata eseguita di recente ed ha effettivamente verificato che il gin abbia queste proprietà, ma nei topi. Gli scienziati hanno suddiviso delle cavie in due gruppi: ad uno hanno somministrato dell’acqua ed all’altro del gin dopodiché hanno misurato quante calorie avessero bruciato i topi a seconda dell’insieme di appartenenza in un lasso specifico di tempo. Analizzando i risultati si sono resi conto che i topi che avevano bevuto distillato di ginepro avevano fatto registrare un incremento del loro tasso metabolico ovvero avevano bruciato più calorie.

I dati hanno mostrato delle cavie raggiungere una capacità di bruciare calorie maggiorata addirittura del 17%. Esso viene chiamato “effetto postbruciato”: in pratica per metabolizzare l’alcol, il fegato provoca un aumento del metabolismo. Tutto ciò in teoria accade con tutti  i tipi di alcolici, ma i ricercatori si chiedono se tale effetto non possa essere legato proprio al fatto che si tratti di gin visto che le bacche di ginepro possiedono proprietà anti-infettive e sono in grado di contrastare malattie cardiache, disturbi della circolazione, problemi al fegato ed ai reni.

Sarebbe bello poter provare la sua efficacia anche per l’uomo: e non solo per una questione prettamente metabolica. Immaginate di trovare segnato nella propria dieta il consumo di un gin tonic: sarebbe incredibile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>