I fitoestrogeni, ormoni naturali

di Silvana Commenta

Sotto il nome di fitoestrogeni, o estrogeni vegetali, vanno alcuni composti contenuti in circa 300 piante; devono la propria denominazione al fatto di essere dotati di azione estrogenica, ovvero di una struttura molecolare e meccanismi di azione simili a quelli degli ormoni femminili, seppure con una efficacia decisamente più debole.

I fitoestrogeni hanno riscosso l’interesse della ricerca scientifica poichè si è osservato che nei paesi in cui è maggiore il consumo di cibi ricchi di tali componenti vi è una minore incidenza di patologie quali tumore mammario, uterino e intestinale, aterosclerosi e osteoporosi nonchè di disturbi legati alla menopausa, quali vampate di calore, atrofia tissutale e secchezza vaginale. Il dato riguarda in particolare le popolazioni orientali, la cui dieta giornaliera è particolarmente ricca di soia, vegetale dal notevole contenuto di isoflavoni, una delle due classi di fitoestrogeni dei quali è stato dimostrato l’effetto benefico sull’organismo umano.

Esistono infatti quattro classi principali di fitoestrogeni:

Isoflavoni, contenuti soprattutto nella soia e nei suoi derivati (latte, tofu, farina), ma anche in piselli, fagioli, finocchio, grano saraceno e cavolini di Bruxelles.

Lignani, contenuti nell’olio d’oliva e di girasole, mele, ciliegie, pere, sesamo, riso, aglio, cipolla.

Cumestani, non attivi sull’uomo, come i lattoni, sono contenuti nel foraggio e nel trifoglio.

Lattoni, non sono molto diffusi negli alimenti.

L’uso terapeutico dei fitoestrogeni, resi disponibili ad alte concentrazioni in preparati farmaceutici specifici, è rivolto principalmente al trattamento della sindrome menopausale, ma esistono diversi evidenze scientifiche circa la loro efficacia nella prevenzione e riduzione del rischio di insorgenza di patologie cardio-vascolari, dell’osteroporosi e di alcuni tumori femminili.

I fitoestrogeni esplicano inoltre un’azione anti-ossidante, sono cioè in grado di ridurre la produzione di radicali liberi e contrastare, fra l’altro, l’invecchiamento precoce. Alcuni studiosi li ritengono anche in grado di esercitare un’azione ricostituente sul collagene sottocutaneo con interessanti conseguenze sulla perdita di elasticità dei tessuti mammari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>