Dieta Natman, quanti chili si possono perdere

di Valentina

La dieta Natman, di cui si sente parlare spesso negli ultimi tempi, è un regime alimentare che promette a chi lo segue un percorso di dimagrimento molto veloce: ascoltando le testimonianze di chi la ha provata si parla addirittura di un calo di peso pari a 3 chili in 4 giorni.

Regime alimentare fortemente ipocalorico

Per ottenere dei risultati così veloci, ovviamente questa dieta si basa su un consumo calorico molto basso: per tal ragione prima di provare un simile regime alimentare è necessario consultare il proprio medico che sarà in grado di indicare se la Natman sia adatta per perdere i chili di troppo in sicurezza. Di solito quando una dieta è fortemente ipocalorica e prevede dei tagli importanti di alcuni nutrienti non può essere considerata equilibrata: motivazione per la quale non si può pensare di iniziare a seguirla ciecamente senza essere sicuri che il proprio organismo non rischi di rimanerne danneggiato.

La dieta Natman è basata sul consumo di alte dosi di proteine attraverso cibi che ne contengono in dosi elevate e alcune specifiche tipologie di frutta e verdura. Essendo un regime alimentare molto restrittivo, questa dieta è indicata per essere seguita al massimo per quattro giorni, subito dopo i quali si entra nella fase di stabilizzazione dei risultati nei quali è possibile consumare delle porzioni più grandi che deve essere eseguita per un mese. coloro che sostengono questo tipo di dieta sottolineano che sarebbe capace di preservare la massa magra a discapito di quella grassa e che non sarebbe pericolosa perché molto breve a livello temporale.

Cosa si mangia con la dieta Natman

Se si decide di seguire la dieta Natman si devono bere almeno due litri di acqua al giorno e optare per una colazione a base di tè o caffè senza zucchero. Le proteine, come già sottolineato, sono la maggiore fonte calorica di questo regime: sia il pranzo che la cena devono essere organizzati in base alle giuste quantità di carne di vitello o il petto di pollo. Verdure come i fagiolini lessi, zucchine grigliate e spinaci lessi possono essere consumati senza problemi. Anche le uova possono essere consumate senza problemi. Arance, mandarini, mele hanno anch’essi il via libera insieme a insalate di rucola, pomodori e lattuga. Merende e spuntini possono essere rappresentati da frutta, da yogurt magro o ancora da succhi di frutta di mela, ananas o prugna. Se si è vegani si può sostituire la carne con il seitan alla piastra o del tofu al naturale. Deve poi essere consumato poco sale e deve essere favorito l’uso di spezie.