Dieta dell’Astronauta

dieta-dellastronauta

Come la dieta scarsdale e la dieta Atkins, anche la dieta dell’astronauta è una dieta low carb, ossia a basso contenuto di carboidrati. Più precisamente, la cosiddetta dieta dell’astronauta, che però non ha nulla a che vedere con l’alimentazione tipica degli esploratori dello spazio, può essere considerata una variante della dieta Atkins, con la quale condivide il principio secondo il quale la drastica riduzione di carboidrati costringe il corpo a bruciare i grassi evitandone l’accumulo.

Per questo motivo, alla eliminazione quasi esclusiva di cibi ricchi di carboidrati, corrisponde un aumento dell’assunzione di quelli contenenti grassi e proteine. Quindi in questo regime dietetico sono assolutamente vietati pasta, pane, riso e cereali, fortemente limitati frutta e patate, mentre è possibile consumare liberamente burro e formaggi grassi.

Tuttavia, rispetto alla dieta Atkins, la dieta dell’astronauta si caratterizza per una diversa ripartizione giornaliera di grassi, proteine e carboidrati:

Dieta Atkins

Grassi: 62%

Carboidrati: 14%

Proteine: 24%

Dieta dell’astronauta

Grassi: 45%

Carboidrati: 30%

Proteine: 25%

Come è possibile vedere, a fronte di un minore apporto giornaliero di grassi e di aumento dei carboidrati, la quantità delle proteine resta pressochè invariata nella dieta dell’astronauta rispetto alla dieta Atkins.

Le perplessità degli esperti rispetto a questo tipo di regime dietetico sono le medesime di cui vi abbiamo già parlato a proposito della “cugina” Atkins: mentre un così ridotto apporto di cibi ricchi di carboidrati mal si accorda con uno stile di vita attivo, il consumo eccessivo di grassi potrebbe a lungo andare incidere in maniera negativa sulla salute di cuore e arterie.

Come tutte le diete low carb, quindi anche la dieta dell’astronauta andrebbe seguita solo per un periodo molto limitato di tempo e solo da individui in perfetto stato di salute.

La dieta dell’astronauta è nota anche come dieta a punti, ma non va confusa con l’omonima dieta elaborata dal dietologo italiano Guido Razzoli.

Condividi l'articolo:

14 commenti su “Dieta dell’Astronauta”

  1. Thanks for sharing excellent informations. Your web-site is so cool. I’m impressed by the details that you’ve on this site. It reveals how nicely you understand this subject. Bookmarked this website page, will come back for extra articles. You, my friend, ROCK! I found just the information I already searched everywhere and simply could not come across. What a great site.

    Rispondi
  2. Thank you for the sensible critique. Me & my neighbor were just preparing to do some research on this. We got a grab a book from our local library but I think I learned more from this post. I am very glad to see such fantastic info being shared freely out there.

    Rispondi
  3. Hiya very nice site!! Guy .. Excellent .. Superb .. I will bookmark your website and take the feeds also…I am glad to search out so many helpful information here in the publish, we want work out extra strategies on this regard, thanks for sharing. . . . . .

    Rispondi
  4. Hi there, simply changed into aware of your weblog through Google, and found that it is really informative. I’m gonna be careful for brussels. I’ll be grateful if you proceed this in future. Many folks will likely be benefited out of your writing. Cheers!

    Rispondi
  5. Today, I went to the beachfront with my kids. I found a sea shell and gave it to my 4 year old daughter and said “You can hear the ocean if you put this to your ear.” She placed the shell to her ear and screamed. There was a hermit crab inside and it pinched her ear. She never wants to go back! LoL I know this is totally off topic but I had to tell someone!

    Rispondi

Lascia un commento