La dieta della pasta

di Daniela 1

La pasta è il piatto più amato della tradizione mediterranea perché sazia, è versatile e mette di buon umore; eppure spesso è un alimento eliminato dalle diete perché considerato nemico della linea. I  nutrizionisti, però, hanno rivalutato questo cibo, dimostrando scientificamente che un piatto di pasta al giorno può essere consumato anche in un regime ipocalorico. L’importante è che la dieta comprenda anche gli altri nutrienti, come proteine, vitamine e sali minerali nelle giuste proporzioni.

La pasta è l’alimento più adatto per combattere il senso di frustrazione che accompagna spesso chi deve per forza stare a dieta, e non solo perché regala il senso di sazietà; il merito è del contenuto dei carboidrati complessi che forniscono all’organismo una buona dose di una sostanza che favorisce la produzione di endorfine, che regalano un senso di benessere e che predispongono al riposo notturno e al buonumore.

La dieta della pasta fornisce circa 1.400 calorie al giorno e permette di perdere in una settimana più o meno un chilo di peso. Si tratta di un regime molto completo, che si deve seguire per un mese, e che, al bisogno, può essere ripetuta anche per un altro mese.

Il programma prevede un piatto di pasta al giorno, condita con sughi leggeri a base di verdure per garantire un buon apporto di vitamine e sali minerali. Sarebbe meglio mangiare la pasta all’ora di pranzo, per dare modo all’organismo di bruciare le calorie quando il metabolismo è più attivo.

Il piatto principale della sera, invece, deve essere a base di alimenti che contengono proteine (carne, pesce, formaggio) cucinati in modo leggero e mai fritti; vanno privilegiate le cotture semplici, al forno, al cartoccio o in padella, usando l’olio crudo a fine cottura.

Le porzioni di verdura sono a piacere e devono essere consumate sempre, così come la frutta. I condimenti devono essere leggeri e non si devono superare i 4 cucchiaini di olio extravergine d’oliva al giorno, e un di sale iodato. Caffè e tè vanno addolciti solo con il dolcificante, e per favorire la digestione, è necessario bere almeno due litri d’acqua al giorno.

Schema alimentare della dieta della pasta

Regole da seguire tutti i giorni
Colazione: una tazza di caffè, tè verde oppure orzo con dolcificante, 6 biscotti secchi o 4 fette biscottate con un velo di marmellata, uno yogurt magro alla frutta.
Spuntino e merenda: un frutto o uno yogurt, oppure una tazza di tè verde con un pacchetto di cacker.

Lunedì
Pranzo: 100 grammi di orecchiette con la rucola, verdure alla griglia
Cena: pollo o galletto alla griglia oppure cotto nella pentola a pressione e insaporito con spezie e aromi a scelta, verdura bollita

Martedì
Pranzo: 100 grammi di paccheri conditi con pomodoro fresco e basilico, radicchio ai ferri
Cena: pesce a scelta, escludendo crostacei e molluschi, cotto al forno con acqua e spezie, verdure ai vapore

Mercoledì
Pranzo: 100 grammi di insalata di pasta con verdure crude o cotte a dadini, verdure bollite.
Cena: formaggio fresco magro tipo stracchino, caciotta o ricotta, verdure al vapore

Giovedì
Pranzo: pasta con piselli, verdure alla griglia.
Cena: 200 grammi carne di vitellone, manzo o maiale magro alla griglia, verdure bollite

Venerdì
Pranzo: 100 grammi di tagliatelle condite con 40 grammi di salmone fresco passato in padella con olio, sale e pepe, radicchio rosso grigliato
Cena: 200 grammi di pesce a scelta, esclusi crostacei e molluschi alla griglia o al cartoccio con aromi, verdure al vapore

Sabato
Pranzo: 100 grammi di carne di maiale magra cotta alla piastra, zucchine e melanzane grigliate
Cena: una pizza margherita, insalata verde, una coppetta di fragole o frutti di bosco con succo di limone

Domenica
Pranzo: 100 grammi di ravioli ricotta e spinaci con salsa di pomodoro e un cucchiaino di parmigiano grattugiato, fagiolini lessi
Cena: 200 grammi di pollo grigliato, 200 grammi di patate al cartoccio, una spremuta di arance

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>