Una dieta liquida contro le apnee notturne

di Redazione 2

Una dieta ipocalorica liquida; è questa la soluzione proposta dai ricercatori dello svedese Karolinska Institute per risolvere il problema dell’apnea notturna. La ricerca, pubblicata sul British Medical Journal, è stata condotta su un gruppo di 63 soggetti obesi con apnee ostruttive gravi; i partecipanti all’esperimento sono stati suddivisi in sue sottogruppi: uno ha seguito un regime dietetico ipocalorico a base di liquidi per due settimane (al termine delle quali sono stati gradualmente reintrodotti i cibi solidi), l’altro la propria alimentazione di sempre, il tutto per un periodo di sette settimane.

Al termine di questo periodo, il primo gruppo, oltre ad una considerevole perdita di peso (19 kg), ha mostrato anche una drastica riduzione del numero di apnee notturne, che sono scese da 37 a 12 l’ora. Tuttavia non si può non rilevare che dimagrimento tanto rapido, per di più ottenuto mediante una dieta molto restrittiva, espone come minimo al rischio di riprendere i chili perduti con altrettanta rapidità vanificando tutti i benefici della ritrovata forma fisica, ivi inclusa la riduzione degli episodi di apnea. Lo studio conferma in qualche modo quanto si sapeva già: perdere peso riduce questo tipo di disturbo che, insieme alla roncopatia (ovvero il russamento) affligge le persone obese.

La sindrome delle apnee ostruttive del sonno consiste in ripetuti episodi di parziale o completa e prolungata ostruzione delle vie aeree superiori che si manifestano durante il sonno; in altre parole, le persone che ne sono affette smettono di respirare per diversi secondi. Questa condizione determina una cattiva qualità del riposo notturno con conseguente sonnolenza durante il giorno, sensazione di affaticamento, difficoltà di memoria e persino impotenza.

Si stima che nel mondo ne siano affette ben 5 milioni di persone e tra i principali fattori di rischio per la sua insorgenza troviamo, oltre alla già citata obesità, l’ipertensione, l’ostruzione nasale e l’ipotiroidismo.

Commenti (2)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>