Spezie, uva e tè verde per combattere i batteri degli alimenti

di Daniela Commenta

Quando si parla di cibo bisogna prestare particolare attenzione alla sua conservazione e al suo utilizzo, in quanto potrebbe contenere o sviluppare dei batteri patogeni nocivi per la salute; se ciò è possibile nello spazio limitato della dispensa o della cucina, pensate alle accortezze che devono tenere le industrie alimentari, nelle quali la quantità di cibo che circola è nettamente superiore.

Generalmente, per prevenire le contaminazioni si ricorre all’uso di trattamenti termici o chimici, molto efficaci ma potenzialmente dannosi; la soluzione migliore sarebbe intervenire con sostanze naturali in grado di prevenire la formazione dei batteri.

Prendendo le mosse da questa convinzione è partito lo studio condotto dai ricercatori del Food Safety Consortium presso l’Università dell’Arkansas Divisione Agricultura, i quali hanno condotto dei test su diversi tipi di carne utilizzando antibatterici naturali come i semi dell’uvae il tè verde.

Come spiega il dottor Navam Hettiarachchy, professore di scienza alimentare, i consumatori preferiscono gli alimenti privi di sostanze chimiche e in questo senso gli estratti naturali usati come antibatterici potrebbero rappresentare una nuova frontiera per il trattamento degli alimenti.

Attualmente vengono usati prodotti chimici e trattamenti termici per ridurre i rischi di intossicazione alimentare dovuta da batteri e il deterioramento degli alimenti, ma come spiega il dottor Hettiarachchy, questo sistema potrebbe cambiare adottando degli estratti naturali:

E’ sempre più evidente l’attività antimicrobica degli estratti da ingredienti culinari come il tè verde, semi d’uva e spezie, contro patogeni di origine alimentare. Gli studi hanno potuto dimostrare come gli estratti naturali di piante siano riusciti a inibire persino la listeria, se uniti a bassi livelli di conservanti chimici.

Non eliminazione completa dei conservanti chimici, quindi, ma vertiginosa riduzione nei processi di trattamento alimentari, con innegabili vantaggi al livello di salute e sicurezza alimentare; dopo questa importante scoperta non resta che aspettare che le industrie di trasformazione alimentare si decidano a convertisi al trattamento antimicrobico naturale.

[Fonte]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>