Grassi alimentari, com’è difficile mangiare quelli giusti

di Redazione 1

Grassi, fosse solo un problema di quantità… Neanche la qualità dei lipidi che si assumono con la dieta, infatti, va lasciata al caso. Le raccomandazioni nutrizionali non si limitano a ribadire che i grassi alimentari non dovrebbero costituire più dei 30 per cento dell’energia assunta ogni giorno. Per cominciare ricordano che i famigerati grassi saturi dovrebbero essere una parte minoritaria dell’introito lipidico: un terzo dei 30 per cento, quindi il 10 per cento delle calorie totali (ma c’è chi dice il 7).

Anche sul fronte del grassi polinsaturi, ar­rivano indicazioni dettagliate: i noti “omega 3” dovrebbero rappresentare lo 0,5 per cento dell’energia, gli “omega 6”  il 2 per cento, e – importante – il rapporto tra le due quote do­vrebbe mantenersi costante. Tradotto per una dieta da 2 mi­la calorie al di, i grassi ne do­vrebbero dare 600 e quindi  non pesare fisicamente più di 66-67 grammi al giorno, e gli introiti “parziali” rispettare le proporzioni dette.

E qui il gioco si fa duro, perché se una dieta assennata, evita facilmente di sfonda­re il tetto dei grassi totali, sul fronte dei parziali la faccenda si complica. Non è facile rima­nere entro i 15-20 grammi di acidi saturi (tra l’altro, molti alimenti osannati come portatori di grassi insaturi, “buoni”, sono anche discrete fonti di grassi saturi, “cattivi”) ma ancor più difficile è rispettare le regole sugli “omega 3” e gli “omega 6”. Questi ultimi, infatti, sono abbondanti in cibi che vanno per la maggiore, come oli ve­getali, cereali e frutta secca, mentre i primi arrivano solo se si mangia pesce. Almeno due volte la settimana.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>