I cibi spazzatura danno anche dipendenza

di Silvana 2

 Oltre a regalarci qualche chilo supefluo in più e a mettere a repentaglio la nostra salute, il cosiddetto cibo spazzatura (o junk food) agisce come una droga e, di conseguenza, induce in chi lo consuma in grandi quantità una vera e propria dipendenza. Questa è la conclusione cui sono giunti Paul Johnson e Paul Kenny, ricercatori dell’Istituto Scripps a Jupiter in Florida che hanno pubblicato i risultati del loro studio sulla rivista Nature Neuroscience.

La sperimentazione si è svolta su un gruppo di ratti ai quali sono state somministrate, in una prima fase, dosi moderate di cibi sani seguite da razioni maggiori di cibi grassi e ipercalorici quali bacon, cioccolata, merendine, snack e così via. In questo modo gli studiosi hanno potuto rilevare che il cambiamento di dieta causava nei ratti non solo un inevitabile aumento di peso ma anche, analogamente a quanto avviene in altra forme di dipendenza, un indebolimento dell’attivazione dei circuiti cerebrali legati alla ricompensa.

I meccanismi cerebrali alterati inoltre sono tornati alla normalità solo dopo due settimane dalla scomparsa del junk food dalla dieta dei ratti. A confermare l’instaurata dipendenza ha contribuito l’ulteriore prova cui sono stati sottoposti i ratti: il consumo dei cibi ipercalorici è stato associato alla comparsa di un segnale luminoso che annunciava l’arrivo di una scossa dolorosa a una zampa; ad alcuni ratti, quelli più obesi e dipendenti, l’associazione tra le abbuffate di dolci e lo stimolo doloroso non impediva di continuare a mangiare.

L’esperimento non è stato ripetuto per il momento su esseri umani ma gli studiosi statunitensi ipotizzano che i meccanismi di dipendenza entrati in gioco nel cervello delle cavie da laboratorio sia il medesimo che induce l’uomo a non poter fare a meno di mangiare cibo spazzatura anche quando consapevole dei danni che questo arreca a linea e salute.

Commenti (2)

  1. Io invece penso che se non dovessimo vivere con ritmi così serrati dal lavoro mangeremmo meglio, e che sia lo stress a farci mangiare male, e non il cibo che causa dipendenza.
    Per potersi permettere un’alimentazione migliore ci vuole una vita migliore: infatti in vacanza tutti mangiamo meglio, riscopriamo le dieta varia e leggera, e il piacere di dedicarsi alla salute. In vacanza non ci comportiamo come dei drogati, quando lavoriamo sì.
    Io anche la sera arrivo a casa dopo una giornata di lavoro, sono stanca, cucino un po’ per le mie due figlie, ma io non ce la faccio ad aspettare che sia pronto e mangio la prima cosa che trovo in cucina. Mi mamma lavora ancora perché le donne non possono andare in pensione prima, così non si ho nessun aiuto.
    Questa è la vita di molti, e mi pare superficiale dare la colpa alle cattive abitudini o al grasso dei cibi, quando è tutta la vita ad essere stravolta, proprio come quella dei topi da laboratorio.

  2. Hai ragione Giulia, i ritmi che la vita ci impone rendono difficile prendersi cura di se stessi anche quando questa cura è rappresentata dalle buone abitudini alimentari. Difficile però, non impossibile e questo vale anche per noi che siamo mamme che arrivano molto stanche alla sera.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>