Cavitazione estetica, ovvero come dire addio alla cellulite

di Daniela Commenta

La cavitazione estetica

La cavitazione estetica è un nuovo metodo tecnologico che, sfruttando l’azione degli ultrasuoni, aiuta a combattere la cellulite e sciogliere il grasso in eccesso. La cellulite è un eccesso di adipe che si forma in alcune zone del corpo, soprattutto nei glutei e nell’interno coscia, e che in termini scientifici, indica un’infiammazione dei tessuti solidi dovuta all’azione di un germe chiamato streptococco beta emolitico di gruppo A.

La cellulite si forma attraverso un sistema piuttosto complesso che vede la perdita di liquidi da parte dei capillari venosi, che non riescono ad essere smaltiti del tutto dal sistema linfatico; successivamente si formano delle adiposità, dei noduli e la zona colpita si gonfia. Per combattere la cellulite si può provare ai eliminare le calorie in eccesso, a seguire un’alimentazione equilibrata abbinata ad una regolare attività sportiva.

Da qualche tempo, inoltre, per eliminare la cellulite si può ricorrere alla cavitazione estetica, un trattamento che utilizza le proprietà degli ultrasuoni per sciogliere gli accumuli di adiposità. La cavitazione estetica viene chiamata anche “liposuzione senza liposuzione” perché è un processo assolutamente non invasivo, che non prevede interventi di chirurgia, ma che si avvale di macchinari, che, semplicemente sfiorando la pelle ed emettendo ultrasuoni, sono in grado di sciogliere il grasso ed eliminare la cellulite.

Gli ultrasuoni, infatti, attaccano le cellule adipose che sciogliendosi, liberano in circolo i grassi che poi vengono eliminati dal fegato ed espulsi tramite la diuresi. Per ottenere dei buoni risultati sono necessarie circa 10 sedute di cavitazione, e dopo ognuna di esse sarà possibile notare la riduzione di un paio di centimetri nella circonferenza cosce, nella pancia e nei glutei.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>