Astuzie per dimagrire dopo le feste

di Mariposa Commenta

Il periodo dei cenoni e dei festeggiamenti ormai è al termine. Purtroppo, però, come ogni anno la bilancia segna in media 2 chili in più. Come fare ora? Bisogna assolutamente correre ai ripari e cercare di bonificare i danni fatti. Vi assicuro che non è proprio semplicissimo e ci vorrà un po’ di autocontrollo per ottenere dei risultati sperati.

È sempre così: ad accumulare ci si mette pochi giorni e a smaltire mesi interi. Tra qualche giorno sarà la Befana, non è una festa che metta grandi timori per la linea, ma sicuramente tra calze ricche di prodotti succulenti, come torroni e dolcetti, e i cioccolatini disseminati per casa, c’è la necessità di impostare delle regole. La prima parola da memorizzare è disciplina: vietato quindi lasciarsi andare a pasticci nel corso della giornata.

Secondo un nuovo studio, condotto dagli esperti della Università di Utrecht (Paesi Bassi), tenere a distanza un prodotto è il modo migliore per scacciarlo anche dalla propria mente. Per la serie “lontano dagli occhi, lontano dal cuore”. Come si può fare? La soluzione più semplice è eliminare dalla vista, ma anche dalla dispensa le leccornie della stagione, altrimenti sostituirle con delle immagini visive. Non è facile, lo so bene.

Chi non ha fantasia, può placare certi desideri con l’esercizio fisico. In che modo? Andando a fare un po’ di movimento. Si può partire con 15 minuti di passeggiata veloce a un’ora di corsa. Non strafate. L’allenamento deve essere graduale e moderato, soprattutto se non siete allenati. Mariagrazia Strepparava, professore di psicologia clinica alla Facoltà di Medicina di Milano-Bicocca, ha commentato:

Sicuramente queste strategie possono aiutarci, è però importante che ciascuno di noi capisca quale tecnica gli è più consona. La prima, ad esempio, funziona meglio con le persone dotate di una buona capacità immaginativa visiva. Quanto al movimento, ricordiamo che l’esercizio fisico, in generale, migliora il tono dell’umore: salire sull’autobus una o due fermate dopo rispetto a quella più vicina, è un modo semplicissimo per incrementare l’attività motoria.

Photo Credits| Thinkstock

[Fonte]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>