Il rischio di ictus triplica un’ora dopo aver bevuto

 
Rosanna
24 luglio 2010
Commenta

Come è riportato sulle pagine di Stroke, la rivista dell’American Heart Association, sembra che fino a un’ora dopo aver assunto una bevanda alcolica, non importa se sia vino, birra o siano superalcolici, il rischio di subire un infarto o un ictus sia tre volte maggiore che non in condizioni normali. I risultati di questo recente studio danno molto da pensare.

Infatti, secondo quanto scoperto dal dott.  Murray A. Mittleman, autore dello Stroke Onset Study, meglio noto come SOS, e direttore della Unità di Ricerca Cardiovascolare Epidemiologia presso il Beth Israel Deaconess al Medical Center della Harvard Medical School di Boston, negli USA, in ben 390 pazienti colpiti da ictus ischemico, il rischio relativo di ictus dopo aver consumato alcol era di due volte maggiore, se comparato in tempi in cui non si consumavano bevande alcoliche.

Questo rischio, in particolare, triplica durante la prima ora dopo che si ha assunto dell’alcol e scende a 1,6 volte dopo due ore. Nelle 24 ore successive, senza assunzione di alcol, il rischio scende di circa il 30%. Come ha spiegato il dott. Mittleman,

“L’impatto dell’alcol sul rischio di ictus ischemico sembra dipendere da quanto e quanto spesso si beve.”

Difatti, dopo aver bevuto aumenta la pressione sanguigna e le piastrine ematiche divengono più vischiose creando un ambiente favorevole alla formazione di un coagulo.

I rischi legati all’assunzione eccessiva di alcol sono fin troppo noti, soprattutto se questo è consumato in giovane età, tuttavia è anche bene precisare che, secondo quanto hanno dimostrato altri studi, un consumo moderato di alcol, stando attenti a non andare oltre le  piccole quantità, può avere un effetto positivo sui vasi sanguigni e questo potrebbe essere considerato un modo per ridurre i rischi proprio di ictus. Gli scienziati infatti, in tutti i casi, raccomandano di assumere bevande alcoliche con estrema moderazione, sia che ad assumerle siano uomini sia che siano donne.

Articoli Correlati
Bere alcol da giovani mette a rischio le ossa

Bere alcol da giovani mette a rischio le ossa

Se prima solo le persone di una certa età, in particolare le donne in menopausa, dovevano fare attenzione all’alimentazione a causa di un maggiore rischio di fratture ossee, ora lo […]

Ictus e infarto, ecco i fattori di rischio che hanno in comune

Ictus e infarto, ecco i fattori di rischio che hanno in comune

Pressione alta, vizio del fumo, girovita largo, dieta sbagliata (per esempio perchè povera di frutta e verdura e troppo ricca di grassi), vita sedentaria, grassi nel sangue, diabete mellito, alcol, […]

Insalata di patate per ridurre il rischio di cancro

Insalata di patate per ridurre il rischio di cancro

Numerosi studi hanno messo in guardia dal consumo eccessivo di carne rossa. Si ritiene infatti che un simile tipo di dieta possa aumentare significativamente il rischio di cancro. A questa […]

Essere molto magra da bambina aumenta il rischio di cancro

Essere molto magra da bambina aumenta il rischio di cancro

Essere molto magre da bambine può essere un rischio per la salute più avanti negli anni, in particolare nei confronti del cancro. Al contrario, essere in sovrappeso proteggerebbe dal rischio. […]

Il vino rosso riduce i danni dell’ictus

Il vino rosso riduce i danni dell’ictus

E’ risaputo che i danni dell’ictus possono essere più o meno gravi a seconda dell’intensità dell’attacco stesso e variano da soggetto a soggetto. È tuttavia indubbio che un danno cerebrale, […]

Lista Commenti