Uomini e donne, diversi anche nella dieta quotidiana

di Mariposa Commenta

Gli uomini vengono da Marte e le donne da Venere. È un modo di dire per sottolineare le differenze di genere, differenze che non si manifestano solo nella vita quotidiana, ma anche nella dieta. Secondo un recente studio, infatti, uomini e donne seguono un’alimentazione leggermente diversa: le signore sono più predisposte a consumare cibi leggeri, i signori prodotti calorici e altamente proteici.

Gli esperti dell’Università della Pennsylvania, della Louisiana State University, dell’University of North Carolina – Chapel Hill e della Cornell University hanno scoperto che il consumo di certi prodotti è altamente connesso alla virilità e alla mascolinità: le proteine sono interpretate come un prodotto da maschio. Le principali differenze dipendono, infatti, dalle influenze culturali (ricordiamo che il gusto è legato anche all’abitudine così come l’apertura ad assaggiare piatti nuovi), ma anche dagli ormoni.

Per entrare un po’ più nel dettaglio, le signore consumano maggiormente carni bianche, insalate, pesce, yogurt e frutta, mentre gli uomini preferiscono le carni rosse, gli insaccati, la pizza, la pasta e le uova. Se però la predisposizione cultura porta a mangiare certi cibi, non vuol dire che la salute ne abbia dei benefici. Ricordiamo, infatti, che la carne rossa è ricca di grassi saturi e tende a far innalzare i livelli di colesterolo, così come a favorire l’insorgere di malattie cardiovascolari. Secondo i dati un consumo quotidiano di 50 grammi di carne al giorno aumenta del 19 percento il rischio di tumore al pancreas.

La situazione non migliora se si consumano le carni lavorate o gli insaccati. È decisamente più sana la dieta femminile, perché il pesce, la frutta, i legumi sono importanti per proteggere il corpo da numerose malattie. Sono però cibi considerati meno “machi”. Per molti occidentali la verdura o i germogli di soia sono alimenti “da donne”. Questo è il risultato di un pensiero davvero retrogrado e spesso alimentato da un certo tipo di marketing: avete presente le pubblicità in cui le donne curano i figli, preparano la cena e consumano una zuppa o l’insalata? Ecco. In realtà, almeno nella dieta, il sessismo non conta e per la salute di tutti è fondamentale iniziare a superare certi pregiudizi.

Photo Credit| ThinkStock

[Fonte]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>