Il sushi fa ingrassare: attenzione alle calorie di questo piatto

di Daniela Commenta

 Amanti del sushi e della cucina giapponese? Attenti alle calorie! È questo il monito lanciato dalla dietista e scrittrice inglese Rachel Beller: il sushi non sarebbe un piatto light come spesso viene considerato ma una vera e propria bomba calorica ricca di zuccheri, di carboidrati e, molto spesso, di sale.

Se pensavate di mettervi a dieta e di includere nell’alimentazione il sushi, desistete dal vostro intendo: secondo l’allarme lanciato dalla dietista inglese, il tradizionale piatto della cucina giapponese sarebbe tutto fuorché ipocalorico, anzi: le calorie contenute in un pasto a base di sushi sarebbero paragonabili a quelle di un hamburger farcito.

Esagerazione? Non proprio; il sushi, come spiega la Beller, contiene solo pochi grammi di pesce e di verdure, mentre è ricco di carboidrati e zuccheri per il modo in cui è preparato il riso. Circa il 75 per cento del sushi è composto da riso non bollito in acqua ma condito con aceto di riso zuccherato, mentre il pesce presente non è mai superiore ai 5 grammi, senza contare l’elevato contenuto di sale derivante dalla salsa di soia.

Non siete ancora convinti dell’alto contenuto calorico del sushi? Vi basti pensare che un solo sushi roll contiene dalla 300 alle 350 calorie e che difficilmente un pasto al ristorante giapponese si comporrà di un solo roll, quindi le calorie sono destinate a triplicarsi, anche considerando che il sushi ha uno scarso potere saziante, ossia non è in grado di eliminare del tutto il senso di fame.

Se proprio non potete fare a meno della cucina giapponese o vi volete togliere uno sfizio, al posto del sushi scegliete il sashimi, dato che non contiene riso ma solo pesce; per contenere ulteriormente i danni per la linea, evitare la salsa di soia e la zuppa di miso, entrambe molto salate, e continuate il pasto scegliendo insalata e frutta fresca.

 

[Fonte]

 

Photo Credit | Thinkstock

 

 

Commenti (0)

  1. questo è uno degli articoli più falsi e forvianti che abbia mai letto, io sono un nutrizionista conosciuto e dottore in dietologia. la “dietista”(titolo rilasciato da scuole professionali equivalente ad un diploma) rachel beller non è nuova a “trovate come questa” ,a mio parere e solo mio, prive di spiegazioni scentifiche esaudienti e senza nessun tipo di fonti attendibili atte solamente a confondere le persone .. il sushi è una vera e propria medicina naturale a livello fisico e metabolico.Da un punto di vista nutrizionale l’abbinamento di pesce crudo (ricchissimo di acidi grassi omega 3 e 6 e di proteine), riso (con gli amidi necessari ad assimilare le proteine) e alghe (fonte di fibre, vitamine, ferro, magnesio e zinco) è estremamente corretto.Oltre ad essere un piatto stuzzicante, originale e invitante, è innegabilmente leggero dal punto di vista calorico. mangiato come piatto unico è un perfetto sostituto agli 80 grammi di pasta e durante una dieta dimagrante può essere consumato anche tre volte la settimana. se vogliamo guardare solo l’aspetto puramente calorico( senza considerare l’elevata digeribiltà, la grande varietà di nutrienti, la facile assimilazione e la capacità, secondo recentissimi studi,di attivare i mitocondri durante la digestione attivando quindi il processo metabolico di ossidazione del glicogeno..ovvero attivando il metabolismo e facilitando lo smaltimento delle calorie in eccesso) una porzione da 14-16 pezzi ne contiene più o meno 380..piatto di pasta 390-420. ma ripeto che le calorie del sushi sono da considerarsi “calorie buone” che vanno solamente ad alzare l’indice glicemico del corpo; è quindi consigliabile mangiarlo a pranzo. non credete a personaggi che trovano argomentazioni come questa solo per sollevare dei “polveroni” che lasciano il tempo che trovano.. buona giornata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>