Gli additivi alimentari, cosa sono a cosa servono

Gli additivi sono sostanze impiegate nell’industria alimentare per conservare a lungo gli alimenti mantenendone inalterate le qualità nutrizionali e/o per renderli più appetibili nell’aspetto, nel gusto e nella consistenza. Più precisamente, è possibile distinguere gli additivi alimentari in tre gruppi:

  • Additivi che mantengono inalterati gli alimenti: conservanti, che rallentano la formazione di germi e batteri e antiossidanti, che contrastano l’irrancidimento.
  • Additivi che migliorano il gusto, l’aspetto e la consistenza degli alimenti: coloranti, addensanti, emulsionanti, edulcoranti, esaltatori di sapidità.
  • Additivi usati per la lavorazione degli alimenti ma che non incidono sul gusto e sull’aspetto del prodotto finale: agenti anti-schiuma, anti-agglomeranti ecc.

In Italia sono oltre 3000 gli additivi autorizzati dalla legge; la gran parte di essi sono aromatizzanti e vengono segnalati sull’etichetta con la dicitura generica di aromi. Gli aromatizzanti vengono usati per conferire all’alimento cui vengono aggiunti particolari odori e sapori e possono essere naturali (aceto, limone, sale, zucchero ecc.) o artificiali.

Tutti gli altri invece si trovano segnati in etichetta con la dicitura E seguita da un numero di tre cifre; si tratta in questo caso di additivi chimici del tutto privi di valore nutritivo: la lettera E indica che il loro utilizzo è permesso in tutti i paesi dell’Unione Europea mentre il numero che la segue si riferisce alla loro categoria di appartenenza:

  • Coloranti (E100-E199);
  • Conservanti (E200-E299);
  • Antiossidanti (E300-E322);
  • Correttori di acidità (E325-E385);
  • Addensanti, emulsionanti e stabilizzanti (E400-E495).

In breve, mentre i conservanti impediscono che il prodotto si deteriori in breve tempo bloccando la formazione di muffe e batteri, gli antiossidanti aiutano a mantenerne inalterato il colore evitando che cambi o si iscurisca (vi siete mai chiesti perchè la marmellata al limone fatta in casa diventa scura mentre invece quella comprata al supermercato rimane sempre di un bel giallo paglierino?). I coloranti, come è facile immaginare, conferiscono agli alimenti un particolare colore (sono massicciamente usati per la produzione di dolciumi e bevande), mentre addensanti, emulsionanti e stabilizzanti agiscono sulla consistenza del prodotto finale favorendo l’aggregazione di ingredienti che altrimenti si separerebbero come acqua e grassi.



Condividi l'articolo:

8 commenti su “Gli additivi alimentari, cosa sono a cosa servono”

  1. Thank you for sharing superb informations. Your web-site is very cool. I am impressed by the details that you have on this web site. It reveals how nicely you understand this subject. Bookmarked this web page, will come back for more articles. You, my pal, ROCK! I found just the info I already searched all over the place and simply couldn’t come across. What a perfect web site.

    Rispondi
  2. I love your blog.. very nice colors & theme. Did you create this website yourself? Plz reply back as I’m looking to create my own blog and would like to know wheere u got this from. thanks

    Rispondi
  3. The next time I read a blog, I hope that it doesnt disappoint me as much as this one. I mean, I know it was my choice to read, but I actually thought youd have something interesting to say. All I hear is a bunch of whining about something that you could fix if you werent too busy looking for attention.

    Rispondi

Lascia un commento