Resveratrolo: è davvero miracoloso?

di Tippi Commenta

Il resveratrolo, una sostanza contenuta nella buccia dell’uva e nel vino rosso ritenuta un potente antiossidante in grado di prevenire l’invecchiamento e diverse malattie, non sortirebbe alcun effetto se assunto a mezzo di integratori. A sostenerlo è una ricerca condotta dalla Washington University School of Medicine di St. Louis, pubblicato sulla versione online di “Cell Metabolism”.

Lo studio, per valutare i presunti effetti benefici del resveratrolo, considerato utile nel migliorare la funzione metabolica e attivo contro alcune patologie, ha visto il coinvolgimento di 29 donne di mezza età in menopausa e in buona salute. Gli esperti hanno confrontato la sensibilità all’insulina delle partecipanti e il tasso di assorbimento del glucosio nei loro muscoli, con quelle di altre 14 persone, che invece avevano assunto semplicemente un placebo.

Come ha spiegato Samuel Klein, MD, direttore del Centro di Nutrizione Umana della Washington University:

I nostri dati dimostrano che la supplementazione di resveratrolo non offre benefici metabolici nelle donne di mezza età relativamente sane. Pochi studi hanno valutato gli effetti del resveratrolo nelle persone. Questi studi sono stati condotti su persone con diabete, adulti più anziani con ridotta tolleranza al glucosio o persone obese che avevano più problemi metabolici rispetto alle donne che abbiamo studiato. Quindi è possibile che il resveratrolo possa avere effetti benefici nelle persone che sono più metabolicamente anormali, rispetto ai soggetti che hanno partecipato alla studio.

Smentite, dunque, le proprietà del resveratrolo, nonostante le dosi assunte dalle partecipanti fossero comunque molto alte (75 g di resveratrolo al giorno pari a 8 litri di vino rosso. Eppure, alcuni studi sono approdati ad esiti del tutto diversi, dimostrando come il vino rosso possa essere un alleato contro il diabete e le malattie cardiovascolari. Secondo Klein questo è possibile grazie all’azione sinergica dei composti presenti nella buccia dell’uva, che contiene appunto il resveratrolo. Gli integratori a base di solo resveratrolo, però servono a ben poco.

Photo Credits|WebMed.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>