Misurazione della pliche cutanea

di Siry Commenta

La misurazione delle pliche cutanee è il metodo più utilizzato per stimare il grasso corporeo, in particolare quello bianco, responsabile di cel­lulite e flaccidità in vari distretti corporei (soprat­tutto pancia, sotto braccia, cosce, glutei). Cono­scere lo spessore della plica, ovvero quella parte di pelle e adipe che si ottiene semplicemente pizzi­cando con due dita le zone più cedevoli del nostro corpo, è indispensabile per scegliere i rimedi snel­lenti “mirati” a seconda della densità adiposa degli accumuli e della loro distribuzione. Per chi non vuole mettersi a dieta, ma in vista del­l’estate vorrebbe comunque ottenere qualche risul­tato in tempi brevi, serve un programma d’urto o di “pronto intervento”.

Per scegliere i trattamenti più appropriati ad ogni esigenza, dobbiamo la­sciarci guidare dalla misurazione della plica cuta­nea, un parametro solitamente rilevato dal medico ma che si può calcolare anche a casa. La misurazione della plica cutanea è utile soprattutto a quelle persone che, pur avendo un peso normale confermato dalla bilancia, hanno delle zone del corpo comunque in sovrappeso. È il caso delle donne di corporatura sostanzialmente magra ma con le braccia molli oppure con il punto vita snello e la zona di cosce e glutei troppo “rotonda”; ma è anche il caso di certi uo­mini che ingrassano solo sull’addome, pur conservando un fisico asciutto.

Per tutti questi soggetti, conoscere lo spessore della plica cutanea è utile per intervenire in modo mirato. La plica cutanea è la piega di cute che si ottiene pinzando e sollevando tra pollice e indice, in un punto specifico del corpo, la cute e il tessuto sottocutaneo adiacente. Questo “pinzamento” e sollevamento permettono di separare il tessuto sottocutaneo da tessuto sottomuscolare presente più in profondità fino a creare una piega cutanea dell’altezza di almeno 2 cm.

La misurazione della plica è una procedura che normalmente viene effettuata dal medico con un apposito strumento, il plicometro: assomiglia a una specie di pinza e viene applicato perpendicolarmente al corpo in corrispondenza della plica sollevata per misurarne lo spessore. I valori rilevati consentono di valutare la densità e la distribuzione degli accumuli di grasso nel corpo e permettono inoltre di monitorare nel tempo i risultati ottenuti. Quando lo spessore della plica inizia a ridursi, significa che il corpo sta smaltendo l’adipe in eccesso. Se non disponi di un plicometro, puoi farti comunque un’idea del gras­so accumulato nei punti critici e pinzando la pelle e misurandone lo spessore con un righello.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>