La dieta Kousmine

di Redazione Commenta

Pur favorendo la perdita di peso, la dieta Kousmine non rappresenta una vera e propria dieta dimagrante, piuttosto si tratta di uno stile di vita alimentare finalizzato al mantenimento di un buono stato di salute attraverso il miglioramento della risposta immunitaria da parte dell’organismo.

La dieta è stata messa  a punto dal medico svizzero Catherine Kousmine, scomparsa nel 1992, che per essere precisi riteneva il suo metodo capace di guarire patologie di una certa entità come cancro e sclerosi multipla, e si fonda, oltre che sul rispetto di precise regole alimentari, sul contrasto dell’acidità nell’organismo, sull’assunzione di integratori a base di vitamine ed oligoelementi e sull’igiene intestinale (ottenuta attraverso la pratica costante di enteroclismi).

Quanto alle regole alimentari queste constano anche di una serie di indicazioni, da rispettare alla lettera, circa gli alimenti da evitare e da preferire e sui metodi di cottura più indicati:

Cibi vietati: no a burro, margarina, olio di palma e di cocco. Vietati lo zucchero raffinato e i dolci di produzione industriale, inclusi quelli light, le bibite gassate e zuccherate, i superalcolici,  la farina bianca, i cibi precotti, carne rossa.

Cibi consigliati: fra i grassi sono permessi solo olio extra vergine di oliva, di lino, di girasole e di semi di soia spremuti a freddo, mentre riguardo gli zuccheri è possibile consumare con moderazione (tre cucchiaini al giorno) solo zucchero di canna e miele. Consigliato il consumo di almeno un cucchiaio di cereali al giorno aggiunti a yogurt e minestre e quello di pesce almeno due-tre volte a settimana.

Alimenti da consumare con moderazione: caffè, tè nero, latticini.

Bevande: bere almeno un litro e mezzo di acqua al giorno.

Metodi di cottura: Evitare le fritture e preferire cottura in umido e al cartoccio. Meglio comunque preferire cibi che possono essere consumati crudi.

Quanto alla distribuzione dei pasti, secondo il metodo Kousmine la cena deve essere molto leggera e venire consumata almeno tre ore prima di andare a letto. Una pietanza a scelta tra verdure crude, minestre di cereali, zuppe di legumi o semplicemente frutta e yogurt può bastare. La colazione rappresenta invece il pasto principale della giornata e prevede il consumo della cosiddetta crema budwig a base di semi oleosi, frutta e cereali.

Per saperne di più sulla dieta Kousmine consultate il sito italiano.

Offerte e promozioni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>