La dieta a punti

Spread the love

La dieta a punti è stata ideata dal dietologo italiano Guido Razzoli. Obiettivo di questa singolare strategia alimentare è far perdere i chili in eccesso senza troppe rinunce.

Nella dieta a punti ad ogni alimento viene associato un punteggio e a ciascun soggetto viene assegnato, in base al peso corporeo di partenza,  un credito di punti che andrà speso con oculatezza nell’arco della giornata. Il rispetto del punteggio cumulativo giornaliero è l’unico vincolo che occorre rispettare, per il resto è possibile organizzare i pasti come si preferisce (stando però bene attenti a non correre il rischio di arrivare all’ora di cena con tutti punti già spesi).

In linea di massima, in base ai punteggi stabiliti per ciascun alimento, possiamo affermare che la dieta a punti scoraggia il consumo di carboidrati mentre favorisce quello di cibi ricchi di proteine, come il pesce. Ciò che colpisce di questa dieta è che ad alimenti con un quantitativo calorico profondamente diverso venga assegnato però lo stesso punteggio.

4 commenti su “La dieta a punti”

  1. Ciao. Mi hai incuriosito! Sono d’accordo con la riduzione dei carboidrati… tendiamo ad esagerare! Sai dove posso trovare informazioni dettagliate sulla dieta e soprattutto sulla persona che l’ha elaborata? grazie.

    Rispondi
    • Ciao Nunzia…

      in linea di massima quello che puoi trovare nel web sono delle tabelle in cui dovrai indicare il tuo peso e la tua altezza. In questo modo potrai sapere quanti sono i punti giornalieri da poter consumare.

      Grazie e alla prossima,

      Martina

Lascia un commento