Dieta del digiuno di Umberto Veronesi

di Tippi Commenta

Secondo il professor Umberto Veronesi digiunare per alcune ore al giorno e per 1 giorno a settimana è utile non solo per perdere peso, ma anche e soprattutto per mantenersi in salute e prevenire le malattie. Vediamo meglio di cosa si tratta.

Che esista una stretta correlazione tra cibo e salute è oramai un dato di fatto. Come ricorda Veronesi nella nostra società il problema della sovralimentazione viene spesso sottovalutato o al massimo affrontato dal punto di vista estetico, dimenticando che l’eccesso di calorie non è solo sinonimo di antiestetici rotolini di ciccia, ma anche il principale responsabile di disfunzioni cardiocircolatorie, diabete e tumori. Come spiega l’oncologo:

L’obesità è spesso considerata un mero problema estetico, come se mangiare troppo fosse un difetto che complica la vita perché rende differenti dai canoni di bellezza odierni. In verità chi è obeso è a rischio di malattia e morte! Continuare a parlare di magrezza e obesità in relazione a vestiti, bikini, forma fisica e modelli estetici significa sbagliare la mira: è una comunicazione controproducente e complice nel provocare disturbi del comportamento alimentare come anoressia, bulimia e binge eating disorder (BED), disturbo da alimentazione incontrollata. È dannoso sommergere i bambini, gli adolescenti e i giovani di messaggi sbagliati: non facciamo altro che incitarli a un rapporto malato con il cibo.

Il consiglio di Veronesi, dunque, è quello di dedicare 1 un giorno ogni settimana alla totale astensione dal cibo. L’uso dell’acqua, almeno 1,5 litri in 24 ore, è obbligatorio per evitare la disidratazione del corpo e il blocco renale. Al primo pasto dopo la pausa alimentare è consigliato mangiare frutta oppure ortaggi maturi ma crudi, ed evitare cibi pesanti come prodotti a base di latte o oleosi che possono essere consumati dopo 2-3 ore.

Photo Credit| Getty Images

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>