Quanto conta la dieta antiossidante funzionale?

di Mariposa Commenta

 

Abbiamo spesso parlato di antiossidanti e di quanto questi elementi siano importanti per preservare la salute e contrastare l’invecchiamento cellulare. Sono però delle parole che per chi non è addetto ai lavori, valgono poco. Per questo motivo oggi vi illustro uno studio realizzato dall’Inran, l’ente pubblico italiano per la ricerca in materia di alimenti e nutrizione.

Sono stati rielaborati ben 158 studi precedenti e l’Inran si è occupato di verificare la capacità degli alimenti vegetali e dei loro polifenoli di modulare le difese antiossidanti dell’uomo. Che cosa è emerso? I prodotti permettono al corpo di rispondere positivamente allo stress ossidativo. Purtroppo però gli esperti non sono ancora stati in grado di scoprire quali siano le molecole coinvolte in questo processo.

Non è l’unico risultato. Se da una parte c’è la sicurezza che compiano un’azione positiva, dall’altra invece non si ha ben chiaro quale sia il ruolo dei polifenoli. Questo perché i ricercatori hanno verificato che hanno una scarsa biodisponibilità. Tra le scoperte positive c’è quella che gli alimenti vegetali sono estremamente indicati nel contrastare tutte quelle patologie cardiovascolari.

Questa evidenza ci porta a ipotizzare una maggiore necessità di antiossidanti nutrizionali da parte di quegli individui che si trovano a rischio ‘stress ossidativo’ e che hanno bisogno di potenziare le difese antiossidanti endogene attraverso la dieta, in conseguenza di uno stile di vita non sano.

Ha commentato così Mauro Serafini, ricercatore e responsabile del Laboratorio Antiossidanti, che ha appunto potuto constatare il ruolo di questi prodotti nei casi di ipertensione, colesterolo alto, trigliceridi alle stelle. Inoltre, consiglia ai ricercatori di focalizzare di più i loro studi sulla reale necessità di assumere questi prodotti per evitare sovradosaggi o terapie inutili.  Per tirare le somme: i polifenoli fanno molto bene, ma a chi ne ha realmente bisogno, altrimenti non sono questa manna tanto decantata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>