Come smaltire una sbronza:acqua, zuccheri e un po’ di moto

come smaltire una sbronza

Siete vittime dei postumi di una sbronza, o sbornia che dir si voglia? Avete nausea, mal di testa e vi sentite fiacchi? Bene, sembra proprio che abbiate esagerato con l’alcol; naturalmente non spetta a noi farvi una ramanzina, sapete perfettamente che bere troppo fa male alla salute e siamo certi che la prossima volta farete maggiore attenzione.

Sappiamo anche bene che è molto probabile che siate alla ricerca di un rimedio per smaltirla più in fretta possibile e affrontare serenamente i numerosi impegni che, come ogni giorno, vi attendono; ed è proprio di questo che vogliamo parlarvi. Secondo quanto affermato dalla dietologa neozelandese Lea Stening dalle pagine del quotidiano Stuff, per smaltire una sbronza non c’è nulla di meglio che bere molta acqua, muoversi un po’ e consumare cibi ad alto indice glicemico (pratica assolutamente sconsigliata a chi è affetto da diabete, naturalmente!) che rilasciando rapidamente zuccheri nel sangue aiutano a ritrovare l’energia perduta.

Il cosiddetto “Sistema-Stening” anti-ubriachezza va seguito fin dal mattino e consiste nel cominciare la giornata con una prima colazione ad alto Indice Glicemico (corn-flakes, pesche e banane consiglia la Stening) e una bella passeggiata e prosegue a pranzo con una sana scorpacciata di pesce ricco di omega-3 (come il salmone, ad esempio), insalata e pane integrale. Il tutto naturalmente innaffiato da abbondante acqua.

Noi francamente siamo certissimi che la dottoressa Stening sia in totale buona fede e che la sua “mini-dieta antisbronza” non sia stata creata ad hoc per alcolisti cronici alla ricerca di espedienti per celare il proprio disagio, nè voglia rappresentare un invito ad alzare il gomito allegramente; non la pensano allo stesso modo però molti colleghi della solerte dottoressa neo-zelandese e una parte della stampa che ribadiscono in coro come sarebbe stato di gran lunga migliore consigliare un maggiore auto-controllo per prevenire l’ubriacatura.

Condividi l'articolo:

22 commenti su “Come smaltire una sbronza:acqua, zuccheri e un po’ di moto”

  1. Hi there, simply became aware of your weblog via Google, and found that it is truly informative. I am going to watch out for brussels. I’ll be grateful when you continue this in future. A lot of folks will probably be benefited from your writing. Cheers!

    Rispondi
  2. Hello! I’ve been reading your site for a long time now and finally got the bravery to go ahead and give you a shout out from Kingwood Texas! Just wanted to tell you keep up the good work!

    Rispondi
  3. Hey there just wanted to give you a quick heads up and let you know a few of the images aren’t loading properly. I’m not sure why but I think its a linking issue. I’ve tried it in two different internet browsers and both show the same results.

    Rispondi
  4. I really like your blog.. very nice colors & theme. Did you create this website yourself or did you hire someone to do it for you? Plz reply as I’m looking to create my own blog and would like to know where u got this from. thanks a lot

    Rispondi
  5. Thanks for sharing excellent informations. Your site is so cool. I am impressed by the details that you’ve on this site. It reveals how nicely you perceive this subject. Bookmarked this website page, will come back for extra articles. You, my friend, ROCK! I found simply the info I already searched all over the place and just could not come across. What a great site.

    Rispondi
  6. Do you have a spam problem on this site; I also am a blogger, and I was wondering your situation; many of us have created some nice procedures and we are looking to swap methods with other folks, please shoot me an email if interested.

    Rispondi
  7. You actually make it seem so easy along with your presentation however I find this matter to be actually one thing that I think I’d by no means understand. It sort of feels too complicated and very large for me. I’m taking a look ahead to your subsequent put up, I’ll try to get the hold of it!

    Rispondi

Lascia un commento