Papaya: calorie, valori nutrizionali e proprietà

La papaya o papaia è un frutto tropicale originario dell’America centrale, molto simile al melone. Si presenta come una grossa bacca arrotondata, di colore verde-giallo e dalla polpa di colore arancio, ricca di semini marrone scuro ricoperti da mucillagine. Vediamo insieme quali sono le calorie, i valori nutrizionali e le proprietà.

Ricette light con la papaya per l’estate

La papaya o papaia è un frutto tropicale originario dell’America centrale ed è molto diffusa in Brasile, come in tutti i paesi tropicali. È ricchissima di betacarotene, il precursore della vitamina A, fondamentale per la salute della pelle, ma è anche un’ottima fonte di Sali minerali quali potassio, magnesio e calcio. Inoltre, contiene un enzima, la papaina, che ha la stessa funzione della bromelina nell’ananas, ovvero facilita la digestione delle proteine ed è indicata per chi segue una dieta dimagrante. Vediamo insieme qualche ricetta light.

Papaya per dimagrire e combattere la cellulite

 Più volte, qui sulle pagine di Dietaland, via avevamo descritto i benefici della frutta esotica, oggi vogliamo ritornare sull’argomento parlandovi della papaya, un frutto particolarmente utile per dimagrire, per combattere la cellulite e contro la ritenzione idrica, ma non solo: essendo ricca di vitamine serve anche rafforzare le difese immunitarie e quindi contro diverse malattie infettive e contro lo stress.

Le virtù degli ingredienti esotici

Curry

Il curry, masala in India, suo paese d’origine, è una miscela di pepe nero, cumino, coriandolo, cannella, curcuma, chiodi di garofano, zenzero, noce moscata, fieno greco e peperoncino pestate nel mortaio. Alcune ricerche scientifiche ne avrebbero dimostrato la capacità di prevenire le malattie degenerative del sistema nervoso.

Alghe marine

Le alghe marine, verdi, rosse e brune, sono molto apprezzate in cosmesi, dietetica e medicina. La loro grande virtù è rappresentata dal notevole contenuto di iodio, minerale del quale la nostra dieta è molto povera. Vengono utilizzate in cucina per preparare sushi, la zuppa di miso, il tofu e il pane di riso.

Guava

La guaiava, o guava, (spesso chiamata con il nome spagnolo Guayaba) è il frutto commestibile prodotto dall’omonima pianta (Psidium guajava L.). Contiene cinque volte più vitamina C delle arance ed un’ottima fonte di vitamina A.

La dieta della papaya

Oggi continuiamo il nostro viaggio all’interno delle diete tematiche a base di frutta illustrandovi la dieta della papaya, un regime alimentare che, ancora ha come protagonista un frutto esotico, proprio come lo era nella dieta del mango che vi avevamo descritto qualche giorno fa. Nei precedenti post vi avevamo già esposto i pregi della papaya, utile sotto forma di integratore, unitamente all’ananas per combattere la cellulite, e come succo per contrastare l’ipertensione.

In effetti, la papaya è un frutto tropicale particolarmente benefico, in quanto contiene un enzima, la papaina, utile per trasformare e usare le proteine; inoltre, è particolarmente ricca di vitamina A, e per questo, una dieta con questo frutto è l’ideale per chi vuole mantenere giovane e vitale la pelle e contrastare l’insorgere delle rughe e i segni dell’invecchiamento. La papaya è anche una buona fonte di vitamina C e contiene solo 30 calorie per etto, oltre ad avere un sapore dolce e gradevole.

La papaya si abbina molto bene ai piatti di carne, basti pensare che in America Centrale viene utilizzata come verdura; inoltre, se la dieta prevede della carne ai ferri, potete renderla più tenera e gustosa facendola riposare per un paio d’ore coperta con delle fettine di papaya, sale e pepe.

Papaya: aiuta a rimanere giovane e cura l’ipertensione

 

Il “miracolo” della papaya fermentata continua inarrestabile soprattutto per le tasche di chi la vende, spinta com’è da un capillare bat­tage pubblicitario che non risparmia nessun palcoscenico. Premesso che la nostra non è una posizione “di principio”, avversa agli integratori, e che la capacità antiossi­dante della papaya è ben nota, rilanciamo l’ennesi­ma riflessione su questo frutto tropicale.

 

 Avocado e banana (a elevatissima capacità di scavare i radicali perossilici), mango, ananas, frutti della passione (oltre al­la nostra beneamata pa­paya) posseggono un’elevatissima capacità antios­sidante. Altrettanto vale per cocomero (in valori elevati), arance, limoni, pesche, uva, susine, pru­gne ma anche a fragole e lamponi si attribuiscono altissime capacità protet­tive dai danni dei radicali liberi. Se pensiamo alla pa­paya e alle qualità che le vengono attribuite, qualche straccio di prova di sperimentazione clinica che ne sostenga l’im­piego nella malattia di Parkinson, nella Sars, nella depressione sarebbe il caso di esibirla.

 

Combattere la cellulite con ananas e papaya

Grazie al contenuto di enzimi  in grado di ridurre i processi infiammatori e di acidi organici capaci di contrastare efficacemente la ritenzione idrica, gli integratori alimentari a base di ananas e papaya rappresentano un efficace rimedio contro la cellulite. La cellulite infatti, prima ancora che uno sgradevole inestetismo, è un processo infiammatorio che, causando l’accumulo di liquidi negli spazi fra le cellule, dà origine alla classica “pelle a buccia di arancia”. Possiamo quindi dire che ananas e papaia combattono la cellulite su due fronti: da un lato attraverso la riduzione del processo infiammatorio, dall’altro attraverso il contrasto della ritenzione idrica.

L’Ananas è il frutto di una pianta originaria dell’America tropicale che viene attualmente coltivata in America centrale e meridionale, in India occidentale e in alcune zone dell’Africa. Come accennato, questo delizioso frutto tropicale, tanto diffuso sulle nostre tavole, deve la sua spiccata azione diuretica alla presenza di acidi organici, mentre per quanto riguarda  la sua azione anti-cellulite essa è dovuta al contenuto di bromelina, una miscela di almeno otto componenti appartenenti al gruppo delle proteinasi, ovvero gli enzimi in grado di demolire le proteine.