Stanchezza, come combatterla mangiando

Spread the love

La stanchezza è un disturbo che può presentarsi per tantissime motivazioni, tra le quali figurano anche lo stress e un eccessivo sforzo fisico. Vediamo insieme cosa mangiare per combatterla alla base.

Combattere la stanchezza con cibi specifici

L’alimentazione in questo caso può venirci in aiuto più di quel che pensiamo, grazie ai nutrienti contenuti nei cibi. I primi consigliati per combattere la stanchezza sono i funghi. Si tratta di un alimento che non piace a tutti ma che dovrebbe essere consigliato come ingrediente presente nella dieta di tutti. Essi infatti sono ricchi di ferro, che come sappiamo è uno dei componenti basilari dell’emoglobina, il protide dei globuli rossi fondamentale per trasportare l’ossigeno nell’organismo. Dobbiamo ricordare che tra le cause della stanchezza vi è anche la mancanza di ferro e la conseguente criticità, da parte dei globuli rossi, di fornire l’ossigeno ai nostri organi vitali.

Tra i cibi che non dovrebbero mai mancare per combattere questo disturbo vi è anche lo yogurt. E la ragione consta nella sua dotazione di probiotici che sono basilari per il corretto funzionamento dell’intestino. Essi aiutano il corpo umano ad assorbire i nutrienti necessari, favorendo la sparizione della stanchezza.

Tra la frutta secca particolare effetto contro la stanchezza è fornito dalle nocciole che consentono di poter contare su una buona dose di energia subito disponibile soprattutto se mangiate senza l’aggiunta di sale. Inutile dirlo, anche le verdure sono nostre alleate se vogliamo sentirci in forma e gli spinaci in particolare non devono mai mancare. Sono infatti ricchi di potassio, ferro e magnesio e sono facilmente digeribili oltre che portatori di benefici per i muscoli e i nervi.

Importanti le vitamine del gruppo B

Anche i semi di zucca e di girasole sono perfetti per combattere la stanchezza, insieme alle patate. Esse forniscono ottime dosi di energia sfruttabili nell’immediato grazie al loro contenuto di ferro, potassio, magnesio, vitamina C e D. Il salmone? Perfetto anche lui, in particolare per le vitamine del gruppo B tra le quali spiccano la riboflavina (B2), la niacina (B3) e la piridossina o B6. Esse sono importantissime per il corretto funzionamento del processo che trasforma il cibo in energia. Via libera anche alle uova che con le loro proteine aiutano il recupero muscolare.

Senza acqua non si può combattere la stanchezza: ecco quindi che dobbiamo essere sempre idratati. Solo in questo modo l’organismo può funzionare in modo corretto. Riposare dopo uno sforzo è ovviamente importante. Ma lo è anche alimentarsi bene per poter sfruttare bene la propria energia.

Lascia un commento