Il pesce fa bene, ma bisogna stare attenti alla cottura

 

Il pesce è uno degli alimenti più indicati nella dieta quotidiana. È leggero, ricco di antiossidanti e acidi grassi buoni, come gli omega 3. Come tutti i prodotti, le sue qualità dipendono molto dal modo in cui viene cucinato. Questa tesi è sostenuta da un nuovo studio di un ricercatore dell’università di Chicago.

L’esperto, Donald Lloyd-Jones, ha cercato di fare il punto sulla modalità di consumo. Apro prima una parentesi di carattere culturale. In America, il pesce è abbastanza diffuso, ma non c’è una tradizione culinaria. Nella maggior parte dei casi, infatti, si tratta di pesce fritto (spesso sono gamberi). Ci sono poi ristoranti di alto livello, ovviamente non alla portata di tutti, che propongono anche piatti alternativi.

Lo studioso ha voluto sottolineare questa cosa: non serve mangiare pesce fritto per scongiurare alcuni rischi. Per focalizzare su questa tematica ha analizzato la dieta e le abitudini di circa 84mila donne in menopausa. C’è stato poi un controllo incrociato tra i dati di coloro che avevano avuto l’infarto e di coloro che, invece, stavano bene di salute. È emerso che le donne consumatrici di pesce fritto erano più esposte rispetto a quelle che non mangiavano pesce.

Perché il pesce cucinato così è tanto buono, ma fa male alla salute? Intanto perché l’olio bollente (in alcuni casi anche riciclato) elimina tutte le sostanze nutritive lasciando il posto ai famigerati acidi grassi trans. Meglio quindi non introdurre questo prodotto nella vostra alimentazione, se non in modo corretto. Soprattutto se mangiate lo stesso tanta frutta e tanta verdura. Quali sono le cotture migliori? Sicuramente alla griglia e al forno, molto naturali e poco condite.

Tra i pesci migliori per la salute del cuore, invece, possiamo scegliere il salmone, il pesce azzurro in generale, dalle acciughe allo sgombro.  Ricordiamo poi che i crostacei, invece, tendo a far alzare il colesterolo. In questo caso, è decisamente meglio non esagerare e concederseli ogni tanto.

[Fonte: Corriere]

Condividi l'articolo:

10 commenti su “Il pesce fa bene, ma bisogna stare attenti alla cottura”

  1. Thanks for every one of your hard work on this web site. My mum take interest in managing internet research and it’s easy to see why. A lot of people notice all relating to the compelling form you deliver powerful ideas by means of your web site and in addition cause participation from other individuals about this subject then our girl is in fact discovering a lot. Have fun with the rest of the new year. You’re the one conducting a dazzling job.

    Rispondi
  2. It’s a shame you don’t have a donate button! I’d certainly donate to this superb blog! I guess for now i’ll settle for book-marking and adding your RSS feed to my Google account. I look forward to new updates and will share this website with my Facebook group. Chat soon!

    Rispondi
  3. I like what you guys are up too. Such smart work and reporting! Carry on the superb works guys I have incorporated you guys to my blogroll. I think it’ll improve the value of my web site 🙂

    Rispondi
  4. What i do not understood is actually how you’re not really much more well-liked than you might be now. You’re so intelligent. You realize thus significantly relating to this subject, made me personally consider it from a lot of varied angles. Its like women and men aren’t fascinated unless it’s one thing to accomplish with Lady gaga! Your own stuffs excellent. Always maintain it up!

    Rispondi
  5. Nice read, I just passed this onto a friend who was doing some research on that. And he just bought me lunch because I found it for him smile So let me rephrase that: Thank you for lunch! “Remember It is 10 times harder to command the ear than to catch the eye.” by Duncan Maxwell Anderson.

    Rispondi

Lascia un commento