Intolleranze alimentari, come riconoscerle

intolleranze alimentari test

A differenza delle allergie, le intolleranze alimentari non manifestano i propri effetti subito dopo l’assunzione del cibo “incriminato”, ma alcuni giorni dopo che questa è avvenuta. Questo dettaglio ne rende difficile l’individuazione soprattutto perchè la persona che ne è affetta risulta, alle analisi di routine, perfettamente sana.

Quando si giunge a sospettare un’intolleranza alimentare il medico dovrà quindi svolgere esami specifici; fra questi:

  • Test bioelettrico QXCI
  • Test cinesiologico
  • Test citotossico
  • Test del polso
  • Test sublinguale

Vediamoli uno per uno:

Test bioelettrico QXCI

Si tratta di un sistema diagnostico computerizzato che permette di rilevare contemporaneamente 16 parametri elettrici del corpo e valutarne le variazioni inviando l’informazione biofisica relativa a 8000 sostanze differenti precodificate.

Test cinesiologico

Consiste nel misurare la forza muscolare prima e dopo l’azione di un’influenza esterna, in questo caso il cibo, su un organismo. Se la forza muscolare non varia dopo aver posto un pezzetto di cibo sotto la lingua senza masticarlo la persona non è intollerante a quello specifico alimento.

Test citotossico

Il test citotossico si basa sull’osservazione che i globuli bianchi possono risultare danneggiati quando posti in contatto con l’alimento cui la persona è intollerante. Consiste quindi nel mettere a contatto l’alimento in questione con i globuli bianchi vivi della persona ed osservare le reazioni che ciò determina.

Test del polso

Consiste nel rilevare la frequenza cardiaca, che aumenta in seguito all’assunzione di alimenti cui si è intolleranti.

Test sublinguale

Il test sublinguale si svolge in laboratorio; consiste nel porre sotto la lingua estratti solubili dei diversi alimenti che si intende testare per registrare le reazioni della persona nei dieci minuti successivi. Quindi, se non accade nulla, si somministra una concentrazione più bassa seguita da una terza più forte delle precedenti. Se anche in quest’ultimo caso non vi è alcuna reazione si passa ad ulteriori analisi con alimenti diversi.

Condividi l'articolo:

34 commenti su “Intolleranze alimentari, come riconoscerle”

  1. Le intolleranze alimentari sono sovente collegate a stress del passato. I danni di un’intolleranza alimentare possono arrivare anche molto tardi. E’ possibile fare un test molto semplice con un paio di ciocche di capelli. Il test non pretende di essere “scientifico”. A saperlo “leggere” può darci dei risultati strabilianti che possono aiutarci a cambiare la nostra vita.
    Perché collegamento con uno stress? e perché l’alimento danneggia?
    Ogni volta che noi ingeriamo quell’alimento che è stato “testimone” di una situazione stressante, stimoliamo il nostro “inconscio” a ricordare, sempre “inconsciamente”, l’avvenimento stesso. La stimolazione continua o frequente può portare a patologie anche molto difficili da curare.

    Rispondi
  2. Pingback: | Fruit Balance
  3. Hey very cool blog!! Man .. Beautiful .. Amazing .. I’ll bookmark your site and take the feeds also…I am happy to find a lot of useful info here in the post, we need work out more techniques in this regard, thanks for sharing. . . . . .

    Rispondi
  4. Hi there! This is kind of off topic but I need some guidance from an established blog. Is it very difficult to set up your own blog? I’m not very techincal but I can figure things out pretty quick. I’m thinking about setting up my own but I’m not sure where to begin. Do you have any tips or suggestions? Cheers

    Rispondi
  5. Great website you have here but I was wanting to know if you knew of any forums that cover the same topics discussed here? I’d really like to be a part of online community where I can get feed-back from other experienced individuals that share the same interest. If you have any suggestions, please let me know. Bless you!

    Rispondi
  6. certainly like your web site but you need to check the spelling on several of your posts. Several of them are rife with spelling issues and I in finding it very troublesome to inform the truth nevertheless I’ll surely come back again.

    Rispondi
  7. Hey there would you mind letting me know which webhost you’re utilizing? I’ve loaded your blog in 3 different browsers and I must say this blog loads a lot quicker then most. Can you recommend a good hosting provider at a reasonable price? Thank you, I appreciate it!

    Rispondi
  8. Nice post. I learn something more challenging on different blogs everyday. It will always be stimulating to read content from other writers and practice a little something from their store. I’d prefer to use some with the content on my blog whether you don’t mind. Natually I’ll give you a link on your web blog. Thanks for sharing.

    Rispondi
  9. Howdy! I know this is somewhat off topic but I was wondering if you knew where I could get a captcha plugin for my comment form? I’m using the same blog platform as yours and I’m having difficulty finding one? Thanks a lot!

    Rispondi
  10. The very crux of your writing while sounding reasonable initially, did not really work very well with me after some time. Somewhere throughout the paragraphs you were able to make me a believer unfortunately only for a short while. I nevertheless have a problem with your leaps in logic and one would do well to fill in all those gaps. When you actually can accomplish that, I will certainly end up being amazed.

    Rispondi
  11. Thanks for your personal marvelous posting! I certainly enjoyed reading it, you’re a great author.I will make certain to bookmark your blog and will eventually come back very soon. I want to encourage you to ultimately continue your great job, have a nice evening!

    Rispondi
  12. Hi there, just became aware of your blog through Google, and found that it’s truly informative. I’m gonna watch out for brussels. I’ll be grateful if you continue this in future. Numerous people will be benefited from your writing. Cheers!

    Rispondi

Lascia un commento