Soffri di asma? La colpa è degli hamburger

di Rosanna Commenta

La dieta mediterranea è sempre la migliore, su questo sono tutti d’accordo. E risulta il regime alimentare che più protegge la salute dell’organismo soprattutto quando un nuovo studio suggerisce che mangiare tre o più hamburger a settimana può aumentare il rischio di sviluppare l’asma, specialmente nei bambini. Lo hanno scoperto un team di ricercatori che ha sottoposto ad analisi i dati relativi a 50.000 bambini provenienti da 20 Paesi di tutto il mondo e che ha pubblicato i risultati di questa indagine sulla rivista scientifica Thorax.

In questo studio sono state valutate le abitudini di vita e alimentazione di bambini che vivono sia nei Paesi ricchi che in quelli più poveri. L’analisi si è svolta durante l’arco di dieci anni. I genitori dei bambini presi in esame sono stati interrogati per scoprire quale fosse la reale dieta alimentare dei figli e se questi avessero mai sofferto di asma o se avessero mai manifestato disturbi del respiro o affanno.

Quello che è apparso subito evidente è che la dieta era sostanzialmente diversa da Paese a Paese ma che frutta e verdura pare abbiano un effetto maggiormente protettivo nei Paesi più poveri. Il pesce invece lo era più nei paesi ricchi. Il rischio di asma o di respiro sibilante è apparso più significativo nei Paesi ricchi, che erano anche quelli dove si consumavano più hamburger.

Gli scienziati hanno scritto che l’ideale per prevenire questi altri problemi di salute è seguire una dieta corretta, che ovviamente prevede l’assunzione di adeguate quantità di frutta e verdura, ma anche il pesce, un buon alleato per la salute che però viene spesso messo in secondo piano. Al contrario, i risultati dello studio hanno confermato che mangiare i cibi da fast-food come gli hamburger è spesso collegato ad altre insane abitudini e questo può essere di fatto un reale fattore scatenante di disturbi come l’asma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>