Oggi è Giornata europea per la lotta all’obesità

di Mariposa 1

Quella di oggi non è una giornata come tutte, non è un semplice sabato di fine maggio perfetto per riposarsi e magari iniziare a prendere qualche raggio di sole. Oggi, antenne aperte, è il momento giusto per informarsi e prendersi cura della propria salute. Si celebra, infatti, la Giornata europea per la lotta all’obesità. Parliamo spesso di chili e sovrappeso, di alimentazione corretta e di stile di vita, ma i numeri continuano a essere sconfortanti: un quarto dei bambini a 9 anni è già grasso, così come il 42% dei nostri connazionali ha qualche chilo di troppo, il 32% è in sovrappeso e l’11% obeso.

Tradotto in numero, significa che ci sono 4.700.000 persone obese. Ma la cosa che più preoccupa sta nel fatto che nonostante le campagne informative e i progetti educativi, le stime da tre anni non danno alcun segno di miglioramento, almeno secondo il Sistema di sorveglianza Passi dell’Istituto Superiore di Sanità (Iss).


Oggi troverete numerosi punti informativi e a Milano la prima mostra dedicata proprio a questo tema (Loggia dei Mercanti fino al primo giugno). Il titolo è “Twelve: Dodici donne” e raffigura dodici signore italiane e la loro storia contro i chili di troppo. Per una volta parleranno le immagini, ma anche le testimonianze di gente che è riuscita a mettersi in forma.  L’idea è dell’associazione Insieme Amici Obesi che combatte in prima linea contro l’Obesità dal 2005. Si muove su due fronti: da una parte la prevenzione, dall’altra, invece, eliminare i pregiudizi nei confronti delle persone in sovrappeso.

Ricordiamoci che avere qualche chilo in più, non è un carattere solo estetico, ma relativo alla salute. Purtroppo l’obesità può comportare gravi problemi cardiocircolatori, favorire l’insorgere del diabete. Tra le tante cose, negli ultimi anni, è stata trovata anche una correlazione tra obesità e tumore al colon, alla vescica, alla prostata, ma anche a seno e utero.

Commenti (1)

  1. Anche in italia il problema dell’obesità sta diventando sempre più sentito, sitamo importando sempre più stili di vita americani, considerati come il paese degli obesi per antonomasia. Sarebbe necessaria un’inversione di rotta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>