Una dieta ricca di grassi può causare la perdita dell’olfatto

di Redazione Commenta

fas

L’alimentazione è la benzina del corpo umano e proprio come per le macchina, fare il pieno di un carburante di bassa qualità può danneggiare l’auto. Che cos’è una dieta di bassa qualità? Ovviamente i cibi confezionati e molto grassi. Pensate che tra i tanti disturbi o effetti collaterali, c’è la perdita dell’olfatto.  

 

Non sentire più gli odori causa non solo la mancanza di percezione dell’olfatto, ma influenza anche il gusto. Non è solo una condizione di disagio, ma può avere anche ripercussioni sulla propria salute: per esempio, non percepire un cattivo odore emesso da un cibo può far rischiare un’intossicazione. A sostenere questa tesi è dottor Nicolas Thiebaud e il team di ricercatori con cui ha testato questa tesi.

Dopo aver analizzato la dieta di alcune persone, l’impatto che questa ha sul peso corporeo, i ricercatori hanno valutato se l’esercizio fisico potesse ridurre l’impatto di una dieta ricca di grassi sulla capacità di percepire gli odori e l’olfatto in genere. E poi hanno anche considerato se una dieta ricca di zuccheri può produrre gli stessi risultati negativi sull’olfatto di una dieta ricca di grassi. Quali sono stati i risultati?

Una dieta ricca di grassi ha causato – sulle cavie – una perdita di neuroni sensoriali olfattivi e loro proiezioni assonali dopo un’esposizione a una dieta grassa, con una concomitante riduzione dell’ampiezza nell’elettro-olfattogramma. Purtroppo il danno è permanente. Lo studio infatti ha dimostrato che correggere la dieta, significa perdere peso ma non recuperare i danni all’olfatto. C’è una morale? Ovviamente sì, fate attenzione alla dieta fin da subito.

 

Photo Credit | Thinkstock

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>