La dieta giusta per gli esami di maturità

di Sara Mostaccio Commenta

Per qualche settimana i maturandi dovranno affrontare una prova dietro l’altra, è perciò importantissimo seguire la dieta giusta per gli esami di maturità in modo da sostenere le lunghe ore di studio con il cervello ben sveglio e reattivo, senza accusare troppa stanchezza, e arrivare pieni di energie all’esame orale.

Benché il caffè sia ritenuto un valido alleato dello studente che tira tardi sui libri, è la prima cosa da evitare. Provoca insonnia e tachicardia e l’unico suo vantaggio è quello di tenervi svegli ma ad un prezzo che non vale la pena pagare: si perde la concentrazione e il riposo è assolutamente prezioso per recuperare e ricominciare a studiare freschi e vigili.

La Coldiretti ha stilato un elenco di alimenti ideali per costruire la dieta dello studente che affronta gli esami di maturità. In cima ci sono pasta, pane e riso, lattuga, radicchio, formaggi freschi e yogurt, cipolla, uova sode, latte caldo, frutta e infusi con miele: tutti alimenti che favoriscono la concentrazione, combattono l’ansia e forniscono energia. Essendo ricchi di triptofano favoriscono la produzione di serotonina, il neurotrasmettitore responsabile della sensazione di serenità che è proprio quel che serve ad uno studente sotto esami.

Da evitare assolutamente gli snack dolci e salati che sembrano spesso una buona idea per mangiare qualcosa al volo senza alzarsi dalla scrivania. Meglio fare una pausa e mangiare una merenda sana a base di frutta fresca e yogurt.

Da evitare anche le bevande zuccherate, meglio preferire la semplice acqua, al limite aromatizzata con il limone e della menta fresca. Non bisogna però negarsi di tanto in tanto un piccolo dolce che aiuta il buonumore, per esempio un buon gelato per interrompere lo studio pomeridiano e concedersi anche una passeggiata che schiarisce la mente.

Photo Credits | Dragon Images / Shutterstock.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>