Dieta Beverly Hills

di Silvana Commenta

La Dieta Beverly Hills fu messa a punto da Judy Mazel, direttrice di un esclusivo centro di dimagrimento di Los Angeles e, pare, ex bambina obesa. Caratteristica di questo regime dietetico è l’abbondante consumo di frutta, soprattutto, esotica, come alimento prevalente.

Come la dieta dissociata,  la dieta Beverly Hills, nota anche come dieta holliwoodiana, si basa sul principio che  assumere carboidrati e proteine nello stesso pasto sia dannoso per la linea.

Per questo motivo, durante le cinque settimane di durata previste da questo programma dietetico, proteine, carboidrati e frutta andranno assunti separatamente. Allo stesso modo è permesso mangiare solo un tipo di frutta per volta, a distanza di almeno un’ora l’uno dall’altro. Bocciate quindi le godibilissime macedonie.

La dieta si articola in più fasi: durante i primi 7 giorni si mangia solo ed esclusivamente frutta esotica, soprattutto ananas,  in seguito a questo periodo di disintossicazione è possibile introdurre gradualmente altri cibi che non è necessario pesare e che andranno consumati preferibilmente alla sera. Questo fino alla quinta settimana.

Terminato il periodo di dieta vera e propria, andrebbe osservato un regime dietetico di mantenimento che consiste nel rispettare le combinazioni alimentari indicate dalla Mazel continuando al contempo a privilegiare il consumo di frutta esotica nella dieta quotidiana.

Credo sia superfluo dire che la Dieta Beverly Hills non gode affatto delle simpatie degli esperti che la ritengono estremamente sbilanciata dal punto di vista nutrizionale e per questo dannosa per la salute.

E’ assolutamente sconsigliata a chi abbia problemi di salute di qualunque tipo, agli sportivi e alle donne in gravidanza.

Inoltre le regole fondamentali della dieta Beverly Hills risultano abbastanza complicate da seguire e a tratti, oserei dire, appaiono fantasiose:

  • Mangiare solo un tipo di frutta alla volta
  • Aspettare almeno un’ora per consumare un tipo di frutta diverso
  • Dopo aver mangiato la frutta, aspettare almeno due ore prima di assumere carboidrati o proteine
  • Dopo un pasto a base di proteine o carboidrati è vietato mangiare frutta fino alla colazione del giorno dopo
  • E’ vietato bere qualunque tipo di bevanda alcolica, fatta eccezione per lo champagne (!)
  • Evitare il latte e i suoi derivati, il sale e lo zucchero semplice.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>