Dieta Berrino, i principi base

di Valentina Commenta

Cosa prevede la Dieta Berrino? E come funziona?  Sono ormai decenni che l’epidemiologo promuove uno stile di vita sano legato all’alimentazione in funzione dell’effetto che hanno sul nostro organismo gli alimenti: vediamo insieme quali sono i capisaldi di questo regime alimentare.

Colazione focus della dieta Berrino

Una delle prime norme da seguire, secondo la dieta Berrino, è quella di dare la giusta importanza alla colazione. Da è considerato il pasto più importante della giornata e su questo gli esperti sono tutti concordi: che si abbia un regime normale o si cerchi di dimagrire, la colazione non deve essere mai saltata, non deve essere composta da solo te o caffè e e non deve essere a base di soli zuccheri. Quindi meglio puntare su frutta fresca o cotta, cereali semplici e integrali come l’avena, semi e frutta secca.

In questo modo si ottiene un pasto abbastanza bilanciato dal punto di vista calorico, glicemico ed energetico che consente di iniziare la giornata al meglio, sazi e con abbastanza energia da arrivare fino allo spuntino ed al pranzo.

No alla carne nella dieta Berrino

L’epidemiologo Berrino è tra coloro che sostengono la quasi totale eliminazione delle proteine di origine animale e della carne. Essi vengono definiti da lui “cibi morti“. Ovviamente la carne da evitare il più possibile è quella rossa, mentre quella bianca può essere consumata ma in quantità limitate e sporadicamente: il via libera è tutto per le proteine di origine vegetale. Nella dieta da lui proposta questi nutrienti devono essere assunti attraverso il consumo di legumi, che nella sua visione hanno sempre la precedenza di scelta rispetto alla carne. Va sottolineato che questo approccio non è tanto relativo al dimagrimento quanto al benessere generale dell’organismo: secondo Berrino infatti vi sarebbe correlazione tra lo stare male e un’alimentazione eccessivamente carnivora. E tra lo stare male dovrebbe essere anche considerato il sovrappeso. Va detto che diversi studi hanno mostrato la necessità di piccole dosi di carne rossa per favorire la corretta assunzione di micronutrienti necessari per sostenere la produzione di globuli rossi e bianchi che tendono a calare quando si elimina totalmente questo alimento.

Eccezione per ciò che rappresentano le proteine animali viene fatto per il pesce per via del loro contenuto di omega 3 e per quelle uova e latticini provenienti da un allevamento consapevole e naturale. La dieta Berrino non è considerata da tutti il top in fatto di equilibrio e risultati: di certo indica la strada giusta di un consumo consapevole.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>