Dieta Atkins e diete proteiche, aumentano il rischio di infarto e ictus del 5%

di Tippi 2

Le diete proteiche, di cui fa parte anche la popolare dieta Atkins, tornano sul banco degli imputati. Gli esperti, infatti, mettono in guardia dai potenziali rischi per il cuore e non solo. Seguire un regime dietetico iperproteico fa sì perdere peso più rapidamente, ma a caro prezzo, aumentando il rischio di infarto e ictus del 5%. Percentuale che arriva addirittura al 60% se si privilegiano le proteine per lunghi periodi.

L’allarme arriva da una nuova ricerca condotta dall’Università di Atene, in collaborazione con il German Institute Of Human Nutrition e il Max Delbruck Centre for Molecular Medicine di Berlino, pubblicata sul British Medical Journal. Lo studio ha coinvolto 43.396 donne svedesi fra i 30 e i 49 anni, che hanno risposto ad un questionario sullo stile di vita e sul consumo di 800 alimenti diversi. Il campione, inoltre, è stato seguito per 15 anni. Di loro, 1.270 hanno sofferto di problemi cardiocircolatori.

Come ha spiegato la professoressa Pagona Lagiou dell’Università di Atene:

Malgrado la popolarità di queste diete che privilegiano le proteine al posto dei carboidrati, indipendentemente dalla fonte delle prime e dalla natura dei secondi, è sempre meglio sconsigliarne il loro uso costante e sul lungo periodo perché abbiamo riscontrato un legame evidente fra questi sistemi dimagranti e le malattie cardiocircolatorie.

La stessa preoccupazione accompagna già da diverso tempo anche il presidente dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica (ADI), Lucio Lucchin, che punta il dito contro le diete iperproteiche, spesso camuffate e riproposte come miracolose (vedi la Dieta Dukan, la dieta a zona o la dieta Atkins), ma come ha precisato il nutrizionista, di miracoloso non hanno nulla.

La dieta iperproteica è indicata solo in alcuni casi, e va seguita per poche settimane, 3 o 4 al massimo, e sotto stretto controllo medico. Un abuso di questo regime alimentare, invece, porta non solo a problemi cardiocircolatori, ma anche a malattie renali ed epatiche a causa di un surplus di lavoro di questi organi per smaltire le proteine assunte.

Photo Credits|ThinkStock

Commenti (2)

  1. io non credo a questi studi catastrofici.
    Ho i kmiei dubbi.
    Da quanto o scoperto la dieta Paleolitica ho intuito che nei regimi convenzionali c’è qualcosa che non va.
    Forse il concetto di iperproteico dovrebbe essere un po’ aggiustato. Quando una dieta è iperproteica?

    1. @Paolo:
      perdonatemi gli errori di scrittura. Il caldo è mortale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>