Cibi da fast food più sani con le alghe marine

di Rosanna Commenta

Le alghe rovinano le vacanze al mare? In certi casi, in effetti, possono rendere dura la vita dei bagnanti, ma la novità è che proprio le alghe marine possono rendere i cibi grassi e ipercalorici più sani e favorire la perdita di peso. Sono gli scienziati dell’University of Newcastle a suggerire di aggiungere alla farina per la produzione di pane, biscotti e grissini, le fibre estratte dalle alghe marine.

E per constatare se le fibre estratte dalle alghe marine potessero essere efficaci nella lotta all’obesità, hanno condotto uno studio utilizzando una particolare alga di origine norvegese, cresciuta nel Circolo Polare Artico, che si chiama Fucus Vesiculosus. È un’alga ricca dell’alginato, una sostanza che è nota per l’azione sulle funzioni digestive e nel controllo dell’acidità gastrica.

Come ha spiegato il dott. Iain Brownlee, coordinatore dello studio, durante la sua intervista per il Daily Express,

“I primi risultati suggeriscono che l’alginato potrebbe offrire una soluzione reale nella battaglia contro l’obesità. Questo suggerisce che se si può aggiungere la fibra naturale ai prodotti consumati ogni giorno, ad esempio il pane e biscotti. Fino a tre quarti del grasso contenuto nelle farine può semplicemente passare attraverso il corpo. Abbiamo già aggiunto l’alginato al pane, e le prove di assaggio iniziale sono state estremamente incoraggianti”.

I ricercatori ricordano come le alghe siano state riabilitate grazie al noto effetto di ridurre il tasso di digestione dei grassi e dei carboidrati, dimostrato da prove di laboratorio. Grazie a questo studio si potrà produrre un tipo di pane da accompagnare, per esempio, ai cibi da fast food in modo da ridurre l’assorbimento dei grassi e dei carboidrati. Nel frattempo, i ricercatori, una volta saggiati i benefici antiobesità offerti dalle alghe, hanno deciso d’introdurre sul mercato una pillola a base di alginato. Il supplemento lo hanno battezzato The Artic Diet, in onore dell’alga di origini artiche. Questa pillola dovrebbe agire riducendo l’appetito e l’apporto calorico quotidiano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>