Calorie della pizza

di Tippi 2

La pizza è uno degli alimenti più diffusi e amati in tutto il mondo, e la sua fortuna la deve, oltre al fatto di essere estremamente versatile, alla genuinità degli ingredienti utilizzati, in base ai quali varia anche l’apporto calorico.

Proprietà della pizza

La pizza è un prodotto artigianale, e gli ingredienti di base sono quelli tipici della dieta mediterranea: farina, acqua, pomodoro, olio d’oliva (e mozzarella fresca/prosciutto crudo o cotto/funghi/peperoni/melanzane/zucchine/patate, ecc). La farina è un alimento che rientra nei carboidrati complessi, che a differenza di quelli semplici, hanno un assorbimento più lento, saziano e forniscono energia costante, ma senza incidere sull’aumento del tasso di glucosio.

L’olio d’oliva extravergine, tra tutti i condimenti, è certamente quello più nobile e sano. E’ ricco di vitamine A, D, E, K, di carotenoidi e composti fenolici che proteggono dall’invecchiamento cellulare, di grassi monoinsaturi e in particolare di acido oleico, che contribuiscono a tenere sotto controllo i livelli di colesterolo cattivo nel sangue. Inoltre, l’olio d’oliva stimola le secrezioni gastriche favorendo la digestione, regolarizza le funzioni intestinali e svolge un’azione antitumorale.

Non dimentichiamo gli odori che accompagnano la pizza: basilico e aglio. Il basilico è un ottima pianta aromatica in grado di dare più gusto ai nostri piatti, nota per le sue proprietà digestive e antisettiche. L’aglio è sicuramente uno degli antiossidanti più efficaci che vi sia in natura. Fa bene al cuore e al sistema circolatorio, ed è anche un eccezionale antisettico e battericida.

Valori nutrizionali della pizza pomodoro e mozzarella

  • Carboidrati 34,5
  • Proteine 9,9
  • Lipidi 6,5
  • 236 kcal/100 g

Ricette per preparare la pizza

Per ottenere un buon prodotto, è molto importante selezionare con cura le materie prime, ovvero, l’acqua deve essere potabile e non troppo calcarea, il sale deve essere quello marino per ottenere una lievitazione più lunga.

Ingredienti (per 4 persone)

  • 1 kg di farina
  • 25 g di lievito di birra fresco (7 di quello secco)
  • circa 500 ml di acqua
  • 1 cucchiaio raso di sale fino

Condimento

  • 800 g di polpa di pomodoro
  • 600 g di mozzarella
  • 1 spicchio d’aglio
  • qualche foglia di basilico
  • sale e olio d’oliva extra vergine

Preparazione

Fate sciogliere il lievito in un bicchiere d’acqua tiepida. Nel frattempo disponete la farina setacciata sulla spianatoia a fontana e formate un buco al centro, dove verserete il composto di acqua e lievito. A parte sciogliete il sale in un altro bicchiere d’acqua tiepida e versatelo sulla farina. Iniziate ad impastare, tenendo vicino l’acqua tiepida avanzata che aggiungerete all’impasto sino ad ottenere una consistenza morbida ed elastica (se avete esagerato con l’acqua aggiungete la farina).

Una volta formata una palla, copritela con un canovaccio pulito e riponetela in un luogo tiepido e lontano da correnti d’aria come ad esempio nel forno (spento). Nel frattempo che l’impasto lievita (circa 2 ore), preparata il condimento aggiungendo alla polpa di pomodoro, l’aglio intero, il sale, e 2 cucchiai di olio, e tagliate la mozzarella a listarelle. Una volta che l’impasto è pronto, stendetelo nelle teglie precedentemente oleate con un filo di olio e condite, aggiungendo il basilico. Infornate in forno già caldo per 20-30 minuti circa a 250°.

Pizza con le patate

Ingredienti

1 kg di farina
25 g di lievito di birra fresco (7 di quello secco)

circa 500 ml di acqua
1 cucchiaino raso di sale fino

Condimento

3 patate
350 g di mozzarella
3 rametti di rosmarino
olio extra vergine di oliva e sale

Preparazione

Preparate l’impasto della pizza come spiegato in precedenza. Dopo la lievitazione, ungete le teglie e adagiate la pizza. Sbucciate le patate, affettatele sottilmente e disponetele accavallandole leggermente le une alle altre. Aggiungete il rosmarino, il sale e l’olio (1 cucchiaio). Infornate la pizza in forno preriscaldato a 250° e lasciate cuocere per 20-30 minuti, fino a quando non le patate non saranno belle dorate.

Commenti (2)

  1. Io ancora non capisco cos’è la dieta mediterranea.
    Non capisco perchè i paesi che seguono le direttive convenzionalmente legate a questo concetto del tutto insignificante sono quelli che hanno una percentuale di obesi e di patologie legate all’alimentazione più alta.
    Quest’articolo voleva parlare di pizza ma affronta altri temi fornendo della pizza solo una ricetta. Vorrei capire di più.
    Quello che leggo quei si può applicare alla pepata di cozze, al coniglio alla cacciatora, alla pasta con le vongole, al kebab, al tacchino ripieno etc…

  2. sono interesato per mozzarella land se mi laschiate nr del telefono per contatare.o pure nr il mio nel cl 3201434390

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>