Alimentazione per combattere l’afa

Il caldo si combatte anche e soprattutto a tavola. Il braccio di ferro contro l’afa, infatti, si vince con i cibi rinfrescanti, ricchi di vitamine e preziosi Sali minerali, che aiutano a reintegrare i liquidi persi attraverso la sudorazione. Vediamo insieme quali sono i cibi “in” per sconfiggere la canicola estiva!

Dieta contro il caldo

Per sopravvivere alla morsa del caldo, Coldiretti suggerisce di prestare massima attenzione all’alimentazione, evitando il consumo di alimenti troppo conditi con pepe, sale o paprika, attenzione poi, a non esagerare con il caffè. Da privilegiare, invece, il consumo di frutta e verdura di stagione crude, in quanto con la cottura si perde parte di acqua, Sali minerali e vitamine. Ottimi i frullati, i centrifugati, le macedonie, i succhi e i gelati. Ecco, allora, la top list dei cibi a prova di afa:

  1. Pesche: svolgono una funzione dissetante, grazie all’elevato contenuto di acqua, oligoelementi, in particolare potassio. È perfetta anche come spuntino di metà mattina, in quanto fornisce zuccheri senza appesantire, inoltre è facilmente digeribile. È anche leggermente lassativa e diuretica.
  2. Albicocche: sono molto ricche di acqua, ma anche di potassio (259 mg per 100 g di prodotto) e betacarotene, il precursore della vitamina A, efficace nel proteggere la pelle dai raggi del sole e nel favorire l’abbronzatura. Le albicocche, inoltre, vantano anche proprietà lassative.
  3. Carote: sono una vera miniera di provitamina A, vitamina C e Sali minerali, ma anche di asparagina e daucina dalle proprietà diuretiche. L’ideale è consumarle crude per non perdere le sostanze benefiche o cotte con una cottura breve.
  4. Vegetali a foglia verde: priorità assoluta a cicoria e spinaci, che sono ricchi di acido folico. In modo particolare le cicorie favoriscono la digestione e sono degli ottimi diuretici e depurativi.
  5. Anguria o cocomero: è in assoluto il frutto estivo più rinfrescante, con un buon potere saziante e un apporto calorico davvero modesto. 1 fetta da 300 g, infatti, apporta solo 45 Kcal. È una vera miniera di licopene, un carotenoide dalle spiccate proprietà antiossidanti, che aiuta a combattere i radicali liberi, l’invecchiamento precoce, le malattie cardiovascolari e persino alcune forme tumorali. Essendo una vera miniera di Sali minerale, aiuta a contrastare il senso di spossatezza tipico dell’estate. Non dimentichiamoci, poi, della sua preziosa azione anticellulite!
  6. Melone: come gran parte della frutta è ricchissimo di acqua, ma anche di fosforo e calcio. È molto dissetante e apporta preziosi antiossidanti, contro un apporto calorico modesto (33 Kcal ogni 100 g di prodotto). Inoltre è una buona fonte di betacarotene, un pigmento alimentare che assorbito dall’organismo si trasforma in vitamina A e rinforza la pelle stimolando la produzione di melanina.
  7. Insalata: ha un ottimo potere saziante, con un apporto calorico estremamente limitato. Apporta preziosi Sali minerali, soprattutto calcio, fosforo e potassio ed è ricca di vitamina E, che protegge il sangue e le altre sostanze del corpo dall’inquinamento, ed è molto valida contro disturbi di cuore e della circolazione sanguigna. L’indivia in modo particolare favorisce l’eliminazione delle tossine e regolarizza le funzioni intestinali, mentre il songino o valerianella è un potente diuretico e disintossicante.
  8. Pomodori: sono gli ortaggi dietetici per eccellenza, hanno, infatti, solo 17 kcal per 100 g. Inoltre, apportano fibre, vitamine e Sali minerali in particolare fosforo, calcio e magnesio. Come l’anguria i pomodori sono ricchi di licopene, un carotenoide responsabile della colorazione rossa e un potente antiossidante.
  9. Ciliegie: sono diuretiche e dissetanti, con un ottimo contenuto di flavonoidi, preziosi antiossidanti che combattono i radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento precoce. Le ciliegie sono poco caloriche (38 Kcal ogni 100 g) e nonostante siano un frutto zuccherino sono indicate anche per chi soffre di diabete, poiché contengono il levulosio, uno zucchero ben tollerato che non richiede l’intervento dell’insulina.

Photo Credit| Thinkstock

 

Lascia un commento