Ad ognuno la sua dieta: consigli alimentari per perdere peso

di Siry 1

Che per dimagrire occorra cambiare qualcosa nella dieta è cosa risaputa, così come è altrettanto noto che essendo le diete per loro natura ostiche, difficili da digerire (in tutti i sensi), molti nemmeno provano ad iniziarle. Per questo si moltiplicano strategie e consigli, quasi tutte ri­gorosamente in arrivo dagli States, il paese dove è nato il moderno concetto di dieta nel 1830, pare per caso. Accadde che il reve­rendo Sylvester Graham decise di nutrirsi solo di verdure e cereali in­tegrali ritenendo i cibi ricchi e spe­ziati frutto del “demonio” e portatori di peccati di gola.

 Visto che man­giando in maniera più “cristiana” oltre allo spirito si risollevava anche il corpo, furono in molti a seguire il reverendo. Ora. 179 anni più tardi, il miglior consiglio che arriva dai nutrizionisti americani è quello di attivare diete a piccoli passi, con piccoli cambia­menti. Variare una cosa alla volta dà la sensazione del successo, il peso cala ad un ritmo sostenibile e si ha il tempo di prendere delle abitudini che si pos­sono poi mantenere. Eccovi i nostri cinque semplici consigli per altrettanti semplici cambia­menti in grado di darvi grandi risultati. Iniziate con quello che vi sembra più facile da mettere in atto.

Una donna dovrebbe bere all’in­circa 2 litri di acqua al giorno ma la maggior parte non supera il litro. La cosa migliore è portarsi sempre dietro una bottiglia: vicino alla scri­vania, nello zainetto ed in auto. Bere acqua ci fa sentire più sazi, quindi meno propensi a mangiare troppo, ed aiuta a non mangiare quando si ha fame. Molti, infatti, mangiano anche quando hanno sete. Mantenere una buona idratazione può contribuire a ridurre il rischio di varie malattie, anche gravi. Un recente studio americano ha dimostrato che le donne che bevevano più di 1 litro e mezzo di acqua al giorno presentavano uno stato di salute generale migliore del 45% rispetto a quelle che ne bevevano solo mezzo litro.

 

 

Passate dai consueti due o tre pasti principali a 5 o 6 pasti più pic­coli, da 300-400 calorie l’uno. Mangiando più spesso si rischiano meno gli accessi di appetito incon­trollato e le abbuffate. Facendo uno spuntino a metà mattina ed a metà pomeriggio non ci si trova af­famati a pranzo o a cena, così non si rischia di andare a casa e far fuori tutto quello che c’è in frigo. Per ogni pasto o spuntino, consumate sia proteine che carboidrati, come cereali e latte, una mela o un sandwich con prosciutto crudo. Le proteine richiedono tempi di dige­stione più lunghi, quindi resterete sazi per più tempo.

 

Uno studio realizzato dall’Univer­sità di Yale, New Haven, Connec­ticut ha dimostrato che le donne che a pranzo consumavano molte proteine assumevano in totale il 31% di calorie in meno rispetto a quelle che consumavano più car­boidrati.  Mangiando più spesso si manten­gono meglio l’energia, la concentrazione e l’attenzione, contrastando il classico calo generalizzato che ca­ratterizza il tardo pomeriggio. Inoltre, si assumono più sostanze nutritive, poiché si corre meno il ri­schio di rimpinzarsi di calorie vuote.

 

Ogni volta che potete, scegliete dei prodotti a base di cereali integrali in­vece che quelli raffinati. Provate ad esempio l’orzo o il farro al posto del riso bianco, mangiate pane inte­grale invece di quello bianco. I cibi integrali soddisfano meglio sia l’appetito che il gusto, grazie alle fibre. I cibi ricchi di fibra possono pro­teggerci da malattie cardiache, diabete e in alcuni casi persino dal rischio di tumori al seno, al pan­creas ed al colon. Contengono inoltre minerali in tracce di solito assenti nei cibi raffinati. Nel riso bianco, per esempio, la quantità di fibre è molto inferiore all’integrale, che ha anche una maggior percentuale di olii (indicati in numerosi studi come regolatori del colesterolo LDL), la maggior parte delle vitamine e minerali come magnesio, fosforo e potas­sio. Mezza porzione di integrale contiene quasi 3,5 grammi di fibre, il riso bianco non arriva a uno.

 

Passate gradualmente da latte, yo­gurt e formaggi interi alle versioni più magre. Se l’ultima volta che ci avete provato siete rimasti insod­disfatti dal gusto, provateci an­cora. I prodotti caseari si rinnovano continuamente. 120gr di normale formag­gio in fiocchi contengono circa 120 calorie, contro le 100 della ver­sione al 2% e le 80 della versione senza grassi. Controllate bene le etichette. Si riduce drasticamente il consumo di grassi saturi, quelli che fanno aumentare il rischio di malattie car­diache. Gli esperti consigliano di li­mitare il consumo di grassi saturi a non oltre il 10% delle calorie gior­naliere totali, pari a circa 22gr di grassi al giorno in una dieta di circa 2.000 calorie.

Commenti (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>