Probiotici per combattere la colite?

La colite o sindrome del colon irritabile è un disturbo molto diffuso (colpisce circa il 15% della popolazione), soprattutto tra le donne. I sintomi più comuni sono: dolore addominale, nausea, episodi di stitichezza alternati a quelli di diarrea. È spesso motivo di disagio e stress per chi ne soffre, in quanto va ad interferire con la vita sociale e lavorativa, tuttavia con una dieta ad hoc e imparando a gestire meglio le tensioni si può convivere “in pace” con la colite. In questo senso, i probiotici potrebbero essere dei validi alleati, vediamo insieme perché.

Amarene, calorie e valori nutrizionali

 In estate cresce la voglia di frutta fresca e le possibilità di assecondare questo desiderio per fortuna non mancano; tra i frutti dell’estate più golosi ci sono le amarene, delle bontà dalla forma simile a quella delle ciliegie e dal sapore agro-dolce; come tutta la frutta, anche le amarene contengono diversi nutrienti benefici per l’organismo e altrettante proprietà: scopiamole insieme.

Colon irritabile, un aiuto dalla menta piperita

La menta piperita potrebbe essere un’alleata preziosa per alleviare i sintomi del colon irritabile. A sostenerlo, è una ricerca dell’Università di Adelaide, in Australia pubblicata sulla rivista “Pain”. Secondo gli esperti, infatti, il consumo di menta piperita aiuterebbe a ridurre il gonfiore addominale e a lenire i dolori intestinali.

La sindrome del colon irritabile è un disturbo abbastanza diffuso, tanto che se soffre mediamente il 25% della popolazione mondiale. Si tratta di un disordine funzionale gastrointestinale, la cui origine non è di facile individuazione. Tradizionalmente, infatti, la sindrome del colon irritabile o IBS (Irritable Bowel Sindrome) è una diagnosi di esclusione.

Niente carciofi per chi soffre della sindrome del colon irritabile

Vi abbiamo già parlato delle tante proprietà del carciofo, un alimento sano che può essere consumato sia crudo che cotto; da crudo può essere mangiato semplicemente condito con un po’ di limone e di olio, mentre da cotto si presta per essere preparato i veri modi tutti molto gustosi, anche se, alcuni studi hanno dimostrato che il carciofo crudo è più digeribile di quello cotto.

Insomma, il carciofo possiede moltissime proprietà, tanto da essere diventato protagonista di una dieta, la dieta a base di carciofi, eppure per alcune persone non è affatto salutare. Infatti per chi soffre di SIL, la Sindrome dell’intestino irritabile, il carciofo può diventare una presenza non proprio gradita nella dieta di tutti i giorni.

Colon irritabile, come eliminare il disturbo

Per chi soffre della sindrome del colon irritabile, ansia e tensioni sono molto dannose perché contribuiscono ad aggravare i disturbi che interessano gli organi della digestione, perciò la prima cosa da fare è provare a scaricare lo stress praticando con regolarità attività fisica: il movimento favorisce il lavoro dell’intestino e stimola l’organismo produrre serotonina, la sostanza che induce il buonumore. L’ideale sarebbe fare 45 minuti al giorno di cyclette, di tapis roulant oppure di camminata a passo sostenuto almeno due o tre volte alla settimana.

Per quanto riguarda la dieta, bisogna fare attenzione a scegliere i cibi da mettere nel piatto: alcuni alimenti, infatti, possono contribuire ad aumentare la produzione di gas e flatulenza e, quindi, ad aggravare i fastidi addominali.