Settembre: il mese giusto per correggere la dieta

di Siry Commenta

I dietologi concordano: il momento migliore per mettersi a dieta è proprio settembre. L’autunno infatti è la stagione ideale per il dimagrimento, quella che già naturalmente ci predi­spone ad “asciugarci” e a bruciare di più. Perché allora non approfittarne? La trappola più insidiosa è però la tentazione che ci fa rimandare a un “momento ideale” la dieta che nell’attesa si carica di aspettative an­goscianti che allontanano sempre più il mo­mento fatidico e nel frattempo aumenta il peso che dovremo smaltire.

Hai intenzione di modificare il tuo modo di mangiare, inserendo nella dieta cibi salutari e snellenti? Allora comincia oggi. E se non te la senti di fare da solo o hai difficoltà a iniziare consulta un dietologo, chiamalo oggi stesso. A settembre simbolicamente si ricomincia dac­capo: nei primi giorni di lavoro o di ritorno in città ci sentiamo “diversi“, facciamo fatica a ri­prendere le solite abitudini e lo stacco estivo ci renderebbe inclini al cambiamento e restii alla routine.

E proprio su questa energia e su questo desiderio di novità che dobbiamo fare affida­mento, prima che la normalità prenda il so­pravvento e le vacanze si cancellino insieme a ciò che di nuovo hanno risvegliato in noi. Fare ordine nella dieta è utile non solo a chi deve perdere peso ma anche a chi voglia stabi­lire un rapporto diverso con il suo mondo in­teriore oltre che con quello fisico.

In questo senso è utile prima di tutto una dieta disintos­sicante, indispensabile soprattutto se le vacan­ze sono state “pesanti“, disordinate sotto il profilo nutrizionale o ci hanno creato disturbi gastrointestinali. Una dieta purificante è l’ideale per ri­pulirsi dalle scorie e partire più energici. Per tenere il corpo sotto controllo e per calibrare meglio le nostre necessità alimentari, niente di meglio che annotare ogni giorno quello che si consuma.

In questo modo, rileg­gendosi giorno dopo giorno, si attiva un mec­canismo di autodisciplina che poco alla volta ci conduce a mangiare in maniera corretta. «Ho letto ciò che mangiavo e mi sono limitata da sola». Ecco la frase tipo di chi ha iniziato a tenere il diario alimentare. Non bisogna aver paura di annotare tutti (ma proprio tutti) gli extra: il solo fatto di leggerli “nero su bianco” ci farà capire che si tratta di cibi inutili e ce li farà eliminare. Con risultati visibili già dopo 7 gior­ni di diario!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>