Pesce, attenzione alle truffe

Il settore della pesca è il più soggetto alle truffe. Capita spesso, infatti, che il consumatore inconspavole acquisti pesce scaduto e prodotti con etichette contraffatte. Il pagasio, ad esempio, viene venduto come se fosse ricciola o il blu marlin viene spacciato per pesce spada.

Ma è in arrivo una buona notizia. Il Ccr della Commissione europea ha fatto sapere che presto verranno introdotte tecnologie molecolari in grado di bloccare le pratiche illegali. Le tecnologie molecolari basate sulla genetica, la genomica, la chimica e la medicina legale, consentono di stabilire con certezza la specie a cui appartiene un pesce e la sua provenienza.

Le frodi nel mercato ittico, infatti, sono sempre più frequenti. Basta pensare che nel 2010, sono state sequestrate dai Nas ben 160 tonnellate di prodotti ittici. Le pratiche illegali più diffuse sono essenzialmente di 2 tipi: la rigenerazione del pesce scaduto e le etichette fraudolente, che spacciano un tipo di pesce economico per uno più pregiato o che riportano una falsa origine di provenienza.

Inoltre, un’indagine condotta di recente dal Movimento difesa del cittadino, ha rilevato come solo il 26% dei banchi vendita italiani presenti correttamente le informazioni al consumatore. Secondo il regolamento Ue, infatti, le etichette devono contenere la denominazione commerciale della specie, l’area di pesca e il metodo di produzione (pescato o allevato).

Le truffe più comuni riguardano la platessa, venduta come sogliola, il pesce africano spacciato per pesce persico o il pangasio propinato come pesce spada. Un’altra pratica piuttosto diffusa è quella di mischiare il pesce scaduto, abilmente mascherato con additivi chimici, insieme a pesce scongelato, ma non scaduto, che poi viene venduto soprattutto a ristoranti e mense. Anche nel caso del pesce scongelato siamo di fronte ad una truffa bella e buona, perché solo il pesce fresco si può conservare in freezer e chi l’acquista ha il diritto di saperlo.

Condividi l'articolo:

13 commenti su “Pesce, attenzione alle truffe”

  1. I like what you guys are up too. Such intelligent work and reporting! Keep up the superb works guys I have incorporated you guys to my blogroll. I think it’ll improve the value of my website :).

    Rispondi
  2. What i do not understood is in fact how you are no longer really a lot more neatly-favored than you might be right now. You’re very intelligent. You recognize thus significantly relating to this matter, made me in my opinion consider it from numerous varied angles. Its like men and women aren’t fascinated until it?¦s one thing to do with Woman gaga! Your individual stuffs excellent. All the time maintain it up!

    Rispondi
  3. The very heart of your writing while sounding reasonable in the beginning, did not sit very well with me personally after some time. Someplace within the sentences you managed to make me a believer but only for a short while. I nevertheless have got a problem with your leaps in assumptions and one might do nicely to help fill in those gaps. If you can accomplish that, I will surely be amazed.

    Rispondi
  4. I’m really enjoying the design and layout of your website. It’s a very easy on the eyes which makes it much more pleasant for me to come here and visit more often. Did you hire out a designer to create your theme? Outstanding work!

    Rispondi
  5. Hello There. I found your blog using msn. This is a very well written article. I’ll be sure to bookmark it and return to read more of your useful info. Thanks for the post. I’ll certainly comeback.

    Rispondi

Lascia un commento