Le diete più famose del 2016

di Mariposa Commenta

Alla fine dell’anno i bilanci sono indispensabili. Quali sono le diete più famose del 2016? Google ha indicato quelle che sono state più seguite nel corso dell’anno.

Dieta Lemme

Ideata dal farmacista Alberico Lemme, si propone come una filosofia alimentare, basata sulle interazioni biochimiche degli alimenti e non sul calcolo delle calorie. Per questo non pone limiti alle quantità, ma punta soprattutto a stabilire ordine nella vita di chi la segue, prevedendo il consumo di pasti a orari ben precisi da rispettare rigorosamente.

Dieta del gruppo sanguigno

Il piano nutrizionale ideato dal naturopata americano Peter D’Adamo circa 15 anni fa e rilanciato negli ultimi mesi dal dottor Pietro Mozzi sostiene che ci siano dei cibi benefici o dannosi per l’individuo a seconda del gruppo sanguigno di appartenenza.

Dieta Davis

Non si tratta di una dieta vera e propria, ma di una persona che con il suo fisico influenza lo stile di vita di altri, stimolando a muoversi per ottenere risultati. Stephanie David è una fitness model che gira il mondo mostrando come si tiene in forma grazie all’esercizio fisico e a un’alimentazione bilanciata, che non prevede junkfood o «cheatmeals», come li definisce lei.

Dieta dei 22 giorni

In 22 giorni si cambia stile di vita e si modificano i nostri geni, attivando quelli che ci tengono in salute e si disattivano quelli che favoriscono disturbi e malattie. Il regime da seguire è piuttosto semplice: privilegiare alimenti vegetali, che provengono dalla terra, a scapito di quelli elaborati e seguire una composizione pari all’80% di carboidrati, al 10% di grassi e al 10% di proteine.

Dieta Swift

A idearla è stata la nutrizionista Swift, secondo la quale tutto dipende dal microbioma, l’insieme dei batteri dell’intestino, sul quale bisogna agire. Come? Mangiando cibi che alimentano ceppi batterici importanti e benefici per la salute del colon e dell’organismo in generale, come rucola, broccoli, lenticchie e zucca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>