Donne in sovrappeso: il 25% si vede più magra di quanto sia in realtà

di Mariposa Commenta

Le donne sono sempre attente al loro aspetto, ma spesso non si guardano con gli occhi della verità. Capita a una signora su quattro in sovrappeso che purtroppo è convinta di essere più magra di quanto sia in realtà.  A rivelare questo vizio è un sondaggio condotto dall’Università del Texas (Usa) e pubblicato su Obstetrics and Gynaecology da cui emerge che il 25% delle donne con qualche chilo in più non ha consapevolezza di essere fuori peso forma. Tra le donne di corporatura “normale”, invece, è solo il 16% a male interpretare la propria forma fisica.

Non si tratta di una questione estetica, piuttosto non essere consapevoli del proprio corpo vuol dire incorrere in eventuali problemi di salute, come l’obesità. Lo studio ha rilevato, in particolare, che le donne ispaniche e afroamericane in sovrappeso pensano di essere magre rispetto al 15% delle donne bianche fuori peso forma.

La tendenza si inverte per le donne normo-peso che credono di essere in sovrappeso: il numero di signore ispaniche e afroamericane che rientra in questa categoria è molto più basso rispetto a quello delle donne bianche. I medici però non hanno ancora scoperto quale sia il fatto psicologico o culturale che condiziona questo giudizio. Lo studio si è svolto su un campione di circa 2000 signore e sono stati tenuti in considerazione il peso, l’esercizio fisico e  la dieta. Questa indagine ha messo in evidenza che l’obesità è diventata così comune che l’immagine del reale “peso forma” è ormai andata perduta. I modelli cui paragonarsi o sono troppo magri o troppo grassi. Abbey Berenson, primo autore della ricerca ha commentato.

L’errata percezione del peso è una minaccia per il successo dei programmi di prevenzione dell’obesità.  Individui in sovrappeso che non riconoscono di essere tali sono molto meno propensi a mangiare sano e a svolgere esercizio fisico. Questi soggetti sono a rischio di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e di altri gravi problemi di salute.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>