Abbassare il colesterolo con la dieta e i farmaci

I numeri forniti da Progetto Cuore, portale dell’Istituto Supe­riore di Sanità, durante “Obesity Day 2009“, sono inequivocabili: il 17% degli uomini e il 21% delle donne tra i 35 e i 74 anni è obeso, mentre sono in sovrap­peso il 50% degli uomini e il 34% delle donne. Infine il girovita, indicatore-sen­tinella di fondamentale impor­tanza nel definire la “sindrome metabolica“, una delle più co­muni patologie diffuse nel mondo occidentale, è cresciuto di 6-7 cm per l’uomo e di quasi 15 per la donna. Il 67% degli uomini e il 55% delle donne hanno problemi con la cir­conferenza della vita, nonché co­lesterolo e trigliceridi, diabete e ipertensione. Questo comporta inevitabilmente rischi cardiova­scolari.

Il colesterolo, in particolare, viene trasportato nel sangue dalle lipoproteine LDL e HDL: le prime sono definite “cattive” per­ché depositano il colesterolo sulle pareti delle arterie, le se­conde “buone” perché lo rimuo­vono. Il livello di colesterolo totale nel sangue è la somma di quello pre­sente nelle lipoproteine LDL, HDL e VLDL, e questo non è un dato che determina in modo as­soluto il rischio cardiovascolare; ciò che conta infatti è il rapporto tra le varie frazioni, che definisce l’Indice di Rischio Cardiovasco­lare (IRC).

Per mettersi sufficientemente al riparo dal rischio di un evento cardiovascolare, è bene che VIRC sia inferiore a 4 per l’uomo e a 3,7 per la donna. Potete calcolare il vostro IRC anche da soli, secondo questa formula:

IRC = Colesterolo totale / HDL

 Un soggetto con colesterolo to­tale a 250 e colesterolo HDL (buono) a 80 ha un indice di ri­schio pari a 3.1 (assolutamente normale), mentre un altro con co­lesterolo totale a 250 e HDL a 40 è a rischio. Il colesterolo è un grasso che aiuta a far funzionare meglio l’organismo. Per il 20% è as­sunto con l’alimentazione, men­tre per l’80% è autoprodotto dall’organismo. È presente nei cibi ricchi di grassi animali, come carne, burro, sa­lumi, formaggi, tuorlo dell’uovo, fegato. E’ invece assente in frutta, ver­dura e cereali. È essenziale per la vita perché forma le membrane delle cellule, è usato per sintetizzare alcuni ormoni indi­spensabili per la crescita, lo svi­luppo e la riproduzione, e forma gli acidi biliari che intervengono nell’assorbimento intestinale dei grass, fitosteroli vegetali, che apportano una quantità compresa tra 1 e 2 g, ben superiore a quella che si può assumere tramite una nor­male alimentazione quotidiana.

Si tratta quindi di alimenti funzio­nali, veri e propri farmaci che hanno anche controindicazioni (le stesse case produttrici consi­gliano di non superare la dose giornaliera consigliata). Numerosi test scientifici hanno dimostrato che consumare una quantità compresa tra 1 e 3 g di steroli ogni giorno, per almeno 3 settimane. determina una ridu­zione significativa del tasso di colesterolo. Ovviamente tale riduzione, per essere sostenuta nel tempo, deve essere continuativa, ciò si­gnifica che, quando si interrompe la terapia, il colesterolo torna ai livelli precedenti.

I farmaci andrebbero utilizzati solamente dopo aver rimosso tutte le cause d’aumento del co­lesterolo e avere adottato uno stile di vita adeguato, con una corretta alimentazione e la co­stante pratica d’attività fisica di tipo aerobico. Purtroppo in alcuni casi i farmaci, vengono utilizzati come compen­sazione ad un’alimentazione e uno stile di vita sbagliati. I più utilizzati sono le statine, ca­paci di inibire la sintesi endogena del colesterolo. Altri farmaci im­piegati sono le resine, i fibrati e gli acidi nicotinici.

“Perdere peso è difficile e impegnativo”

spiega Giuseppe Fatati co­ordinatore di “Obesity Day” e presidente dell’Associazione Italiana di Dietetica e Nutrizione Clinica. Tra le tante strade indicate per dima­grire si ricorre anche all’aiuto di farmaci e bisturi.

“Non scorciatoie, ma presidi irrinunciabili se l’obesità è grave o complicata da diabete e ipertensione”

 Del resto i centri specializzati nella chirurgia bariatrica (bendaggio gastrico regolabile. gastroplastica, bypass gastrico) che nel 1999 erano nove, oggi sono ben 91, e si allungano le liste d’attesa.

Condividi l'articolo:

22 commenti su “Abbassare il colesterolo con la dieta e i farmaci”

  1. Good V I should definitely pronounce, impressed with your web site. I had no trouble navigating through all the tabs and related information ended up being truly easy to do to access. I recently found what I hoped for before you know it in the least. Reasonably unusual. Is likely to appreciate it for those who add forums or anything, web site theme . a tones way for your client to communicate. Excellent task..

    Rispondi
  2. Thank you a bunch for sharing this with all people you actually understand what you’re speaking about! Bookmarked. Kindly additionally discuss with my website =). We may have a link change contract between us!

    Rispondi
  3. Thank you, I’ve recently been looking for information about this subject for a long time and yours is the best I have discovered till now. However, what in regards to the conclusion? Are you certain in regards to the supply?

    Rispondi
  4. I am now not certain the place you’re getting your info, but great topic. I must spend some time learning more or understanding more. Thank you for magnificent information I used to be looking for this information for my mission.

    Rispondi
  5. This is very attention-grabbing, You are an excessively professional blogger. I have joined your rss feed and sit up for looking for more of your magnificent post. Also, I have shared your site in my social networks!

    Rispondi
  6. Hey there! Quick question that’s entirely off topic. Do you know how to make your site mobile friendly? My web site looks weird when viewing from my iphone. I’m trying to find a template or plugin that might be able to resolve this problem. If you have any suggestions, please share. Thank you!

    Rispondi

Lascia un commento