Cardiolates, il Pilates che fa dimagrire

di Daniela 3

Il Cardiolates è un nuovissimo allenamento che viene dagli Stati Uniti, e che è approdato da pochissimi mesi in Italia, studiato per eseguire un lavoro fisico di tipo aerobico senza però sottoporre a uno sforzo traumatico la colonna vertebrale e le articolazioni: in pratica è l’unione di Pilates e aerobica.

Il termine “Cardio” del programma indica proprio questo: durante l’allenamento il corpo raggiunge e supera la “soglia cardiovascolare aerobica”, cioè arriva a svolgere uno sforzo elevato e costante che determina un forte consumo di calorie e di grassi localizzati. Con il Cardiolates di riesce a svolgere un’attività aerobica brucia grassi senza la necessità di lavorare in carico, alleggerendo la colonna vertebrale e le articolazioni di anca, ginocchia e caviglie dai microtraumi della corsa o della camminata.

La caratteristica particolare del Cardiolates è quella di associare due attività diverse come il Pilates e l’aerobica, tramite il rebounder, un tappeto elastico circolare su cui si salta per quasi tutto il tempo della lezione, e che è capace di fornire una risposta elastica omogenea in ogni punto di rimbalzo, e di assorbire l’impatto dei piedi, evitando traumi e stress per le articolazioni. Grazie a questo attrezzo si possono bruciare fino al 50% di calorie in più rispetto ad altre attività cardio e al tempo stesso salvaguardare il benessere dell’apparato muscolo-scheletrico.

La lezione di Cardiolates viene proposta nelle principali palestre,con una durata di 55 minuti; è in genere consigliato un abbigliamento attillato, come un paio di fuseaux e una canottiera, per poter controllare se si eseguono movimenti sbilanciati o asimmetrici. Per saltare sul rebounder non servono calzature speciali, bastano delle calze di cotone.

Commenti (3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>