Kalomed, coadiuvante del dimagrimento

 Oggi torniamo a parlare di integratori finalizzati al dimagrimento e lo facciamo con Kalomed, un prodotto che utile per coadiuvare una dieta dimagrante nel senso che, associato a una dieta ipocalorica e ad una leggera attività fisica, è utile per favorire la perdita di peso, riducendo i grassi accumulati. Cerchiamo di capire meglio quali sono i componenti di Kalomed e come funziona.

Freddo e sovrappeso, esiste un legame?

 In inverno, e più generalmente quando fa freddo, la tentazione di consumare cibi più ricchi rispetto alla bella stagione è maggiore, il che non è positivo per la linea ma non solo per la quantità di calorie ingerite: secondo un recente studio, il fatto che quando fuori fa freddo tendiamo a restare chiusi a lungo in ambienti riscaldati, sarebbe dannoso per la nostra linea.

Il peperoncino, termosifone naturale del corpo

Siamo quasi in primavera è vero, ma il clima è ancora freddo. Per combattere le conseguenze dell’esposizione a pioggia, vento e in alcune regioni di Italia anche alla neve, o ad una temperatura molto bassa, ed evitare di prendere raffreddori ed influenze, o semplicemente di infreddolirsi, è necessario migliorare le abitudini alimentari, facendo un più ampio uso di peperoncino.

Lo suggerisce il risultato di uno studio condotto da un team di ricercatori guidati dal dott. Yasser Ahmed Mahmmoud dell’Università di Aarhus, in Danimarca, che dimostra come il peperoncino piccante sia l’unico composto alimentare in grado di attivare in maniera diretta la termogenesi, un particolare processo metabolico che consiste nella produzione di calore da parte dell’organismo, soprattutto nel tessuto adiposo e muscolare, ottenuto attraverso il consumo di grassi, che serve a determinare la temperatura corporea.

Il metodo Montignac

Il metodo Montignac, nelle parole del suo ideatore, il francese Michel Montignac (nella foto), non è una vera propria dieta, quanto piuttosto un programma alimentare non restrittivo finalizzato sia  al dimagrimento che alla prevenzione di malattie cardiovascolari e diabete. Il metodo non si basa sul computo delle calorie giornaliere introdotte, ritenuto del tutto inutile dal dottor Montignac, ma sul controllo dei livelli di insulina nel sangue.

Secondo il nutrizionista francese infatti la causa dell’obesità è da rintracciarsi nell’iperinsulinismo causato in modo indiretto da alcuni cibi e il suo metodo si basa sulla scelta degli alimenti in funzione delle loro caratteristiche nutrizionali legate alla capacità di indurre reazioni metaboliche tali da prevenire l’aumento di peso, il diabete di tipo II e accidenti cardiovascolari. In particolare, sono da privilegiare i carboidrati a indice glicemico basso, gli acidi grassi polinsaturi omega 3 e monoinsaturi e le proteine.