I cibi che proteggono i capelli dal sole

Pelle e capelli, in estate, sono davvero messi a dura prova dagli effetti ossidanti del sole. Le nostre chiome tendono a seccarsi, a disidratarsi, a diventare più fragili e spesso assumono anche colorazioni improbabili, soprattutto se abbiamo come base una tinta o dei riflessi colorati. Ecco quindi che la dieta ci viene in aiuto. Ci sono dei cibi fondamentali per mantenere in salute i nostri capelli.

Olio di germe di grano, le proprietà e gli usi cosmetici

 Il germe di grano è un alleato prezioso per la nostra salute. E’ ricco di lecitina, vitamine del gruppo B, provitamina A, vitamina D, ed è una vera miniera di vitamina E, importantissima per la sua azione antiossidante e immunostimolante. Inoltre, contiene oligoelementi quali calcio, fosforo, ferro, magnesio, potassio, zinco, e selenio.

Olio di Jojoba per la cura del viso e del corpo

La jojoba è un arbusto desertico originario dell’America, particolarmente longevo e con piccole foglie cerate. L’olio, viene estratto dai semi ed era già noto agli Aztechi non soltanto per la cura della pelle e delle ferite, ma anche come cibo. Quest’olio, infatti, ricco di sostanze antiossidanti, possiede proprietà cosmetiche eccezionali.

La dieta della bellezza

In teoria tutte le diete dovrebbero servire per essere più belli: il dimagrimento è un processo che, oltre ad aiutare la salute, migliora anche il proprio corpo e quindi la propria autostima: chi non si sente più bello con qualche chilo in meno? La psicologia non c’entra in questo caso, la dieta che vi stiamo per illustrare si chiama così perché è mirata al miglioramento delle condizioni di tre elementi fondamentali della bellezza: capelli, unghie e pelle. Infatti, attraverso l’alimentazione è possibile migliorare il tono della pelle, avere unghie forti e capelli morbidi e lucidi.

Le unghie sono costituite principalmente da una sostanza proteica chiamata cheratina, che dona loro compattezza e durezza;  per colpa di un’alimentazione ricca di grassi e con poca frutta e verdura, la cheratina potrebbe non essere prodotta in maniera sufficiente, e quindi è necessario assumere degli alimenti che aiutano la sua produzione, quali cereali, legumi, aglio, cipolla, proteine animali e vegetali.