Nanoparticelle naturali e dieta mediterranea contro il tumore al seno

di Redazione Commenta

Secondo le stime, ogni anno sono 38.000 le donne che, in Italia, vengono colpite dal tumore al seno ma, fortunatamente, grazie alle cure e ai farmaci innovativi, sono sempre più numerose coloro che riescono a vincere la battaglia contro questa terribile malattia. Grazie alla migliore qualità della vita, alla diagnosi precoce e alle nuove terapie, aumentano i casi di guarigione e le prospettive di sopravvivenza. Una di queste terapie innovative è NabTM paclitaxel, la prima nano-chemioterapia target per le pazienti con carcinoma mammario avanzato.

Come dicevamo, NabTM paclitaxel è la prima nano-chemioterapia target per le pazienti con carcinoma mammario avanzato che utilizza l’albumina come carrier naturale, ossia trasporta il principio attivo direttamente all’interno delle cellule tumorali e aumenta la sopravvivenza globale rispetto alla chemioterapia classica con in più il pregio di diminuire notevolmente gli effetti collaterali. Questo farmaco sfrutta un meccanismo naturale: il principio attivo viene coniugato a delle nanosfere di albumina inducendo, così, una notevole efficacia del farmaco ma senza gli effetti collaterali delle terapie classiche.

Non solo terapia; per sconfiggere il tumore al seno è necessario anche seguire un’alimentazione adeguata e non rinunciare all’attività fisica. Essenziale nella cura del tumore al seno è, l’attenzione alla qualità di vita: una buona alimentazione, tempi brevi d’infusione ed effetti collaterali mitigati sono vantaggi significativi per una donna che si trova a combattere non solo la malattia ma anche la pesantezza delle terapie e i loro effetti.

Spiega, infatti, il dottor Fulvio Sileo, responsabile di Dietologia Clinica presso gli Ospedali Riuniti di Bergamo:

Spesso il tumore al seno si presenta in una fase della vita di una donna in cui già sono in atto dei cambiamenti e una diagnosi di questo tipo peggiora la situazione dal punto di vista psicologico; si perde interesse per alcune attività salutari, oppure è la malattia stessa a costringere la paziente a rinunciare al movimento o ad allontanarla dal piacere del cibo.

Proprio per sensibilizzare le donne su questo argomento nutrizionisti, oncologi e chef hanno messo a punto “Assapora la Vita”, una campagna nazionale itinerante promossa dall’Associazione Italiana Prevenzione Oncologica e dalle Associazioni pazienti che operano sul territorio nazionale, che prevede corsi di cucina specifici nei quali la tradizione gastronomica italiana si coniuga alle esigenze delle pazienti in terapia.

Ma qual è l’alimentazione ideale per le donne in cura per il tumore al seno? Naturalmente la dieta mediterranea, come spiega la dott.ssa Giuliana Invernici, dietista presso l’Azienda Ospedaliera Bolognini di Seriate:

Un’alimentazione adeguata prevede un buon consumo di frutta e verdura, preferire le proteine vegetali (legumi) e il consumo del pesce a quello della carne, ridurre l’utilizzo di grassi, proteine animali, zuccheri e cereali raffinati, privilegiando invece cereali nella forma più naturale e non industrialmente raffinati, astenersi dal consumo abituale di alcol.

La campagna Assapora la Vita nasce, quindi, per consolidare l’alleanza tra Oncologia e tradizione gastronomica italiana e prevede una serie di incontri pubblici in diverse città italiane, per sostenere le donne colpite da tumore al seno e che affrontano le terapie aiutandole a riscoprire l’importanza della cura di sé anche attraverso una giusta alimentazione.

Proprio per questo, oncologi, nutrizionisti e rinomati chef hanno messo a punto un modello alimentare che coniuga i principi della dieta mediterranea con le esigenze delle pazienti in terapia; in occasione degli incontri verranno tenuti dei corsi di cucina per spiegare alle partecipanti come alimentarsi correttamente e come preparare le specifiche ricette.

Non è finita qui; “Assapora la Vita” è anche il titolo del ricettario messo a punto dal noto chef Alessandro Circiello, contenente trenta ricette approvate dagli oncologi e studiate per aiutare le donne con tumore al seno ad alimentarsi in modo gustoso e salutare.

 

[Fonte]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>